Johnny Cash

The Man Comes Around

2003 (American) | country

Johnny Cash non può essere definito un cantante nel vero senso della parola: nelle maggior parte dei brani, più che cantare parla ma con accenti di grande spessore e con tutto il carisma che porta dentro.
Ad oltre settanta anni Cash è una delle icone viventi non solo del country ma anche di tutta la musica popolare degli Stati Uniti: più volte sugli altari, altrettante nella polvere, ed è forse per questo che la voce, a volte non più perfetta, è mille volte più espressiva di tanti altri.

Detto questo va da sé che “The man comes around”, quarto capitolo per l’etichetta American Recordings, merita più attenzione di quanta ne riserveranno gli appassionati italiani: è un’opera intensa ed emotiva, ma soprattutto sincera.
La traccia che dà il titolo all’intero album, come scrive Cash nelle note del disco, ha avuto una gestazione lunga alcuni mesi, è ispirata da un sogno fatto sette anni fa in Inghilterra (Cash racconta di aver sognato di camminare a Buckingam Palace con la regina Elisabetta...) ed è di chiara ispirazione religiosa, con citazioni teologiche filtrate dalla lente della poesia.

Le gemme dell’album sono molte: una ispirata versione di “Hurt” dei Nine Inch Nails, la sorprendente interpretazione di “Personal Jesus” dei Depeche Mode con l’acustica di John Frusciante, e ancora “Bridge over troubled water”, con Fiona Apple a far da controcanto, “Desperado” cantata come country comanda e, gemma fra le gemme, “First time ever I saw your face”, parole d’amore su un tappeto scarno di chitarra e harmonium.
Insomma, un disco da non perdere, perché di dischi così se ne trovano pochi.

(26/10/2006)

  • Tracklist

1 The man comes around
2 Hurt
3 Give my love to rose
4 Bridge over trouble water
5 Hung my head
6 First time ever I saw your face
7 Personal Jesus
8 In my life
9 Sam Hall
10 Danny Boy
11 Desperado
12 I’m lonesome I could cry
13 Tear stained letter
14 Streets of Laredo
15 We’ll meet again

Johnny Cash su OndaRock
Recensioni

JOHNNY CASH

American VI: Ain't No Grave

(2010 - American Recordings/ Lost Highway)
Esce postumo il sesto lavoro dell'uomo in nero per l'etichetta di Rick Rubin

JOHNNY CASH

American V: A Hundred Highways

(2006 - American / Universal)

JOHNNY CASH

Unearthed

(2003 - American)
Un uomo solo, vestito di nero, cammina nel buio, il volto nascosto nell'ombra...

JOHNNY CASH

At Folsom Prison

(1968 - Columbia/Legacy)
I tanti risvolti dell'uomo in nero tra le mura della prigione di Folsom, in un live storico

Johnny Cash on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.