Paolo Conte

Psiche

2008 (Platinum/ Universal) | songwriter

A quattro anni di distanza da "Elegia", "Psiche", più che un album di inediti di Paolo Conte, è la conferma che il Conte scrittore di canzoni post-"Razmataz" ha ripreso l'entusiasmo di compositore e performer. Dal punto di vista della scrittura, "Psiche" ripete il gioco del predecessore: speculare sui temi più cari del cantautore attraverso una sordida revisione di liriche e orchestrazione, ma facendo in modo che il tutto non suoni diverso da un'ipotetica sommatoria delle precedenti opere.

La questione è chiara già dall'avvio lento della title track, un adagio jazzy da piano-bar che incornicia un ermetico motto poetico, ma anche nella spenta ballata di "Intimità", nella convenzionale "L'amore che" e in "Coup de Theatre" (una revisione di "Max").
La consueta classe si ammira in "Big Bill", un ritorno alle atmosfere più impalpabili di "Paris Milonga", con piano e synth irrequieti, e nello swing-rock con coro e ottoni di "Silvery Fox". "Bella di giorno", dall'andatura a mo' di valzer parigino suonato per sola elettronica (senza piano), e "Leggenda e popolo", ancor più sospesa (e inconsistente), riprendono la linea impalpabile di "Big Bill".

Nuovi auto-tributi coinvolgono "Velocità silenziosa" (una cavalcata stride che è la prima rimembranza del suo vecchio amore dai tempi di "Diavolo rosso", la bicicletta) e il dimesso boogie orchestrale di "Così o non così", quasi uno scarto di "Parole d'amore scritte a macchina". Invece, fattori di novità stanno nella brass band brasileira di "Danza della vanità", nel soul-gospel "Il quadrato e il cerchio", nel tributo al suo allievo Vinicio Capossela di "Ludmilla" e nella drum machine della debole "Omicron".

Grazie a una ritrovata vena d'arrangiamento con fastoso uso di synth, è una collezione che mescola al solito eleganza a spicciola quotidianità; il fatto nuovo è che sbiadisce in stanca nostalgia. Voce profonda come mai, ma anche pervasa da una senilità intristente. La seconda voce di "Coup de Theatre" è di Emma Shapplin, un'altra musa della contaminazione tra ere; "Velocità silenziosa" gli era stata persino commissionata per la sigla del Giro d'Italia 2007.
Preceduto e seguito a breve distanza da "Paolo Conte Plays Jazz", una riesumazione dei primissimi giorni del Conte improvvisatore, e "Blue Swing", l'ennesima raccolta (stavolta più essenziale di "Wonderful"). Primo frutto del nuovo contratto con la Universal.

(25/09/2008)

  • Tracklist
  1. Psiche
  2. Il quadrato e il cerchio
  3. Intimità
  4. Big Bill
  5. L'amore che
  6. Silvery Fox
  7. Bella di giorno
  8. Velocità silenziosa
  9. Omicron
  10. Ludmilla
  11. Leggenda e popolo
  12. Danza della vanità
  13. Coup de Theatre
  14. Così o non così
  15. Berlino

 

Paolo Conte su OndaRock
Recensioni

PAOLO CONTE

Amazing Game - Instrumental Music

(2016 - Decca)
Prima antologia di strumentali per il bardo di Asti

PAOLO CONTE

Snob

(2014 - Universal)
Il ritorno del gran bardo astigiano, in una nuova generosa collezione di canzoni-cliché

PAOLO CONTE

Nelson

(2010 - Platinum / Universal)
Il bardo di Asti non vuole abbandonare le scene, ma continua a offrire dischi-stereotipo

PAOLO CONTE

Elegia

(2004 - Warner)

PAOLO CONTE

Paolo Conte

(1984 - Cgd)
Prodezze in forma-canzone e ripiegamento introspettivo: lo snodo espressivo del cantautore astigiano

Live Report
Speciali

Paolo Conte on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.