Les Mange-Tout

Les Mange-Tout

2010 (Sister Who) | alt-pop

Una copertina sbarazzina dai mille colori e quasi altrettanti strumenti suonati nel corso del disco introducono il duo italo-francese Les Mange-Tout, al debutto sulla lunga distanza dopo un sotterraneo mini, pubblicato qualche tempo fa per la compianta My Honey Records.

Tra Genova e Le Havre, le due fanciulle che compongono Les Mange-Tout - Germana Bargoni e Nathalie Barxs - hanno trovato un punto d'incontro delle loro abilità da polistrumentiste nell'evidente propensione di entrambe per le miniature melodiche e nel comune spirito giocoso, eternamente adolescenziale, con il quale si avvicinano alla musica.

 

È un mondo incantato quello tratteggiato nel corso di questo agile album, realizzato sotto la supervisione di Alessandro Paderno dei Le Man Avec Les Lunettes; è un mondo osservato con sguardo curioso e vivace, con estrema attenzione per le piccole cose, che infatti ricorrono nei titoli dei brani e nei loro testi, così come nei quadretti strumentali, che a basso e chitarre acustiche accostano xilofono, ukulele, fisarmonica, organi e organetti giocattolo dei più vari.

Quasi scontato pensare all'Amélie di Yann Tiersen ascoltando il succedersi incalzante dei dodici brevi bozzetti (solo due brani superano i tre minuti di durata) racchiusi in questo lavoro primaverile, frizzante, intriso degli accenti salmastri delle città portuali delle due protagoniste e completato da un tocco francese nelle ambientazioni e nell'alternanza tra raffinata brillantezza e sottile malinconia da uggia parigina.

 

È musica da cameretta, in un certo senso, ma disincantata e ben distante da facili retoriche, che nel genuino gusto pop delle canzoni e nel brioso intreccio tra le voci angeliche e impertinenti di Germana e Nathalie richiama l'attenzione sull'istintualità domestica di trame strumentali semplici ed eccentriche, capaci di divertire con marcette, filastrocche e carillon, ma anche di catturare istantanee di sottile malinconia, sulle note della chitarra o poco più.

In "Les Mange-Tout" si susseguono senza sosta brillanti richiami al pop seventies, delicatezze da folk acustico casalingo e peculiari rivisitazioni di ballate fuori dal tempo, nelle quali irrompono spesso incursioni di xilofono, organetti e tastierine che denotano la lodevole capacità delle due ragazze di fare musica seriamente ma senza perdersi troppo sul serio.

 

Il loro spirito è infatti gioviale e divertito, ma la cura nella scrittura dei brani è rimarchevole, così come sono significativi i rimandi - più o meno consapevoli - a un ampio ventaglio di riferimenti, dall'indie-pop scandinavo ai Belle & Sebastian, dal pop francese d'annata agli intrecci vocali dei Kings Of Convenience o degli Stereolab, che Germana e Nathalie sembrano aver fatto propri, restituendoli alternamente su basi acustiche o su semplici intersezioni tra organo e fisarmonica.

Ma soprattutto "Les Mange-Tout" ha il merito di essere un disco godibilissimo e divertente - dal passo svelto di "Cute Cake" all'ironico cha cha cha con cui si conclude "Les Petits Pieds Froids" - passando per un caleidoscopio di suoni liquidi, acquerelli acustici e dolcezze pop assortite, confezionate con classe e con una naturalezza che merita di essere custodita gelosamente. Perché, per fortuna, per qualcuno fare musica è ancora un divertimento.

 

(04/06/2010)

  • Tracklist
  1. Cute Cake
  2. Now Serving
  3. Sofa Addict
  4. Phone Song
  5. Drawn Curtains
  6. Two Wings & A Red Crown
  7. Weak Week
  8. Flying Pillows
  9. Fastest One Man Band
  10. Electric Fly
  11. Subway Charm
  12. Les Petits Pieds Froids
Les Mange-Tout on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.