Supersilent

10

2010 (Rune Grammofon) | modern classical, avantgarde

Era quasi impossibile fare peggio di “9” e, infatti, “10”, nuovo capitolo della saga Supersilent, rimette le cose a posto, regalandoci un lavoro evocativo e introspettivo (il più introspettivo della loro ormai ultradecennale carriera).

Prevalentemente costruito sugli intrecci di tromba (Arve Henriksen) e grand piano (Ståle Storløkken), “10” mostra un’anima notturna e desolata, con quel timbro “desertico” della tromba capace di evocare un Jon Hassell abbandonato a se stesso in mezzo a una landa inaccessibile. Certo, senza l’elemento ritmico questi Supersilent fanno ancora un po’ fatica a reggersi in piedi (innegabile, per dire, un certo manierismo di fondo) ma, almeno questa volta, si riesce a rintracciare della poesia, che qua e là riesce a suscitare una certa commozione. In ogni caso, il disco ha tutte le potenzialità per piacerea molti, magari anche a quelli che non hanno mai apprezzato la compagine norvegese.

Fatta eccezione per i quattro piccoli pannelli (tutti imbevuti di algida costernazione) di “10.1”, “10.4”, “10.7” e “10.10” (eh, lo so... con i titoli e con le copertine non hanno mai avuto molta fantasia!), il grosso dell’opera è affidato alle vespertine confabulazioni tra le rade figure pianistiche e le nebulose tessiture della tromba. Così, “10.3” sembra una tetra serenata, “10.6” si culla nel solco di un impressionismo puntillista, simulando un’inclinazione rinascimentale, e “10.12” si disperde dentro le trame inquietanti del tragico. Ma è, comunque, la bellissima “10.8” a raggiungere vette di assoluto lirismo, tratteggiando fragilissime soglie in cui si smarriscono i limiti tra diafano esotismo e misticismo spaurito.

L’altro versante appartiene, invece, a soundscapes tenebrosi, nei quali dominano viscide ragnatele di synth, tra ambient “artica” (“10.2”), cupi rimbombi cosmici misti a dissonanze fantasmatiche (“10.5”) e torbide ipnosi Tangerine Dream (“10.9”).
Produzione affidata in larga parte a Jan Erik Kongshaug.

(08/09/2010)

  • Tracklist
  1. 10.1
  2. 10.2
  3. 10.3
  4. 10.4
  5. 10.5
  6. 10.6
  7. 10.7
  8. 10.8
  9. 10.9
  10. 10.10
  11. 10.11
  12. 10.12
Supersilent su OndaRock
Recensioni

SUPERSILENT

14

(2018 - Smalltown Supersound)
Scuri frammenti da una sessione impro più che mai aliena ad opera del (ormai) trio norvegese

SUPERSILENT

13

(2016 - Smalltown Supersound)
Tra furia e inazione, l'eterno ritorno del manifesto free impro norvegese

SUPERSILENT

12

(2014 - Rune Grammofon)
Il ritorno della pattuglia norvegese, tra oscura dark-ambient e sommovimenti cosmici

SUPERSILENT

11

(2010 - Rune Grammofon)
Primo disco esclusivamente in vinile per la compagine norvegese

SUPERSILENT

9

(2009 - Rune Grammofon)
A due anni dall'ottimo "Supersilent 8", esce il nono capitolo della saga norvegese

SUPERSILENT

8

(2007 - Rune Grammofon)
La band norvegese celebra una decade di attività all'avanguardia con un nuovo disco in studio, ..

SUPERSILENT

7

(2005 - Rune Grammofon)

SUPERSILENT

6

(2003 - Rune Grammofon)

SUPERSILENT

1-3

(1998 - Rune Grammofon)
Vent'anni fa, assieme all'etichetta Rune Grammofon, nasceva l'influente collettivo norvegese d'improvvisazione ..

Live Report



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.