Bart & Friends

There May Come A Time

2012 (Matinée) | alt-pop

Sono quelle storie che forse, prima di oggi, accadevano solo nei dischi di Bart Cummings: dopo vent'anni di carriera, il cantautore australiano viene accolto presso la Matinée, etichetta di punta dell'indie-pop contemporaneo (Northern Portrait, Azure Blue, Strawberry Whiplash, Cats On Fire e così via) e tra i suoi amici torna Pam Berry, che impreziosisce i brani di questo Ep di sei canzoni con la sua voce dalla timbrica selezionata "geneticamente", ma di un altro livello, dal punto di vista tecnico, rispetto ad altre muse indie-pop.
Artigiano melodico sopraffino, Cummings seleziona per questo esordio con la Matinèe sei pezzi di sonnacchioso, ciondolante ("A Summer's Dream", la title track) o volubile e fugace ("These Words Are Too Small", "There Are So Many Things I'd Like To See", quest'ultima sotto il minuto di durata) jangle. Per gli amanti delle chicche (fondamentali nel genere), ecco anche una cover di Elvis Presley: "Can't Help Falling In Love".

(21/06/2012)



  • Tracklist
  1. There May Come A Time
  2. Can't Help Falling In Love
  3. A Kiss You Won't Forget
  4. There Are So Many Things I'd Like To See
  5. These Words Are Too Small
  6. A Summer's Dream
Bart & Friends su OndaRock
Recensioni

BART & FRIENDS

Stories With The Endings Changed

(2011 - Lost And Lonesome)
Nove minute gemme pop per l'atteso ritorno di un veterano dell'indie-pop

Bart & Friends on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.