Capsule

Stereo Worxxx

2012 (Contemode) | electro j-pop, electrohouse

Finalmente, i Capsule sono tornati. E no, non perché abbiano rimesso piede in studio dopo una lunga pausa lontani dalle scene. D'altronde, la vera mente del duo, Yasutaka Nakata, è il produttore attualmente più richiesto di tutto il Giappone; molti degli esponenti più in vista della scena elettronica nazionale devono gran parte del loro successo al suo apporto, con il quale continua a dettar legge nel settore. L'enorme dispersione di energie in tutte queste attività parallele ha finito però col prosciugare, in una maniera che pareva essere inesorabile, la freschezza creativa del Nostro, che stava quasi per relegare a uno scaffale più basso quello che a tutti gli effetti è il suo progetto principe - i Capsule, appunto. Fortuna vuole che, ridimensionatosi un minimo il numero di collaborazioni esterne, Yasutaka abbia ripreso saldamente in mano le redini del proprio destriero, e in combutta con l'avvenente Toshiko Koshijima - da sempre sua compagna in quest'avventura - sancisce con "Stereo Worxxx" la rinascita di un cammino che ha segnato, nel bene e nel male, il corso della musica giapponese degli ultimi anni.

La copertina del loro tredicesimo disco parla chiaro. Toshiko in total look nero e tacchi alti, con una cassa tra le braccia: in quello che potrebbe essere l'avvio per l'ennesima trasformazione della loro carriera, i due si privano di parte dell'assordante massimalismo distintivo delle loro ultime prove (guarda caso, diventato oramai un trend in Sol Levante), smussando la durezza dei beat a favore di un suono più elegante, a tratti patinato, adatto per il dancefloor. La mossa è azzeccata sotto tutti i punti di vista: per niente dimentico di essere l'unico vero discendente della stagione shibuya-kei, che ha consegnato alcuni fra i più preziosi monumenti del pop asiatico, Yasutaka ne recupera il febbrile eclettismo e lo rilancia in una chiave ancora più graffiante e decisa, terribilmente contagiosa.

Non soltanto electro-pop e derivati quindi: il vocabolario della house, capricci nu-disco, finanche lembi techno ed etnici vanno a compilare una collezione che rilancia in gran spolvero le capacità di Nakata come beatmaker e compositore, qualità di cui adesso riesce di nuovo a dare sfoggio col massimo della padronanza. Già l'introduttiva "Feelin' Alright" ne è una lampante dimostrazione, con il suo groove rapido e fresco, memore di tante vecchie esperienze, e a dispetto di ciò puntuale nel recuperarne la fisionomia in un insieme che non sappia di stantio. Il martellare di "Tapping Beats", parimenti, non si lascia sfuggire l'occasione di piazzare scorie di melodia sopra un tappeto claustrofobico (come da titolo), scorie che la voce robotizzata della Koshijima rende ancora più alienanti e aggrovigliate, un tutt'uno con il bombardamento sonoro circostante.

È il suono che conta: provare a rintracciare un songwriting vero e proprio, in quello che in altri momenti è stato uno stile capace di canzoni fatte e finite, è un esercizio che qui lascia il tempo che trova. Meglio immergersi quindi, senza opporre resistenza alcuna, nel frenetico dibattersi di "Never Let Me Go", pura narcosi nel segno della house music, oppure nei meandri della più stratificata "Step On The Floor", in cui convivono impronte della sublime epopea daftpunkiana, rimandi al j-pop più caramelloso e, come se non bastasse, diramazioni (a)ritmiche di matrice disco in un'ammirevole operazione di sintesi.
Nakata sfrutta, insomma, quanto in sua dotazione per costruire pattern di sicura presa, toccando apici creativi che parevano oramai fuori dalla sua portata. Avendo dalla sua un'esperienza e una costanza nel settore invidiabili, ha imparato dai tanti errori ultimamente commessi e ha trovato il viatico per rimettersi in carreggiata. Con un pizzico di cattiveria, viene quasi da augurarsi che la sua mansione di produttore per terzi da ora in poi cessi del tutto.

(23/05/2012)

  • Tracklist
  1. Feelin' Alright
  2. Never Let Me Go
  3. In The Rain
  4. Dee J
  5. Step On The Floor
  6. Tapping Beats
  7. All The Way
  8. Motor Force
  9. Transparent
Capsule su OndaRock
Recensioni

CAPSULE

Wave Runner

(2015 - un BORDE / Warner)
Punta nuovamente alla pista da ballo il quindicesimo album del duo nipponico

CAPSULE

Caps Lock

(2013 - unBORDE / Warner)
I nuovi orizzonti del duo electro nipponico

Capsule on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.