Eldar

The Secret Golden Flower

2012 (Old Europa Café) | dark-ambient, industrial-ambient

Eldar è il più prolifico e peculiare fra i progetti di Marc Merinee, titolare anche dei marchi Asbaar e Matatus, e protagonista di una delle avventure più interessanti e compiute della moderna scena industrial. Nato come progetto solista una decina d'anni fa, è divenuto oggi la creatura congiunta del polistrumentista e della vocalist Merce Spica. Il loro è un sound nato sulle macerie dell'industrial-ambient di Troum e Stratvm Terror, ed evolutosi poi sulla strada del dark-ambient di casa Cold Meat Industry (Desiderii Marginis, Atrium Carceri) fino a sposare le oscure sperimentazioni di Z'ev.

Il sodalizio proprio con gli Atrium Carceri di qualche mese fa aveva preannunciato il ritorno all'atmosfera - e la conseguente rinuncia alle scorribande avanguardistiche che avevano segnato due anni or sono l'imperfetto “Amaterasu Shiroi” - che si completa con questo “The Secret Golden Flowers”, primo parto del sodalizio con la storica Old Europa Café. Il disco è infatti un'autentica messa nera, che attraversa a turno tutti i linguaggi familiari a Merinee, guidato dalla narrazione sacerdotale equamente divisa fra questi e Spica.

La passione per il moderno classicismo già emersa qualche anno fa sul bellissimo “Sapere Aude” torna sovrana nel chiaroscuro dell'ottima “Shadow”, nelle partiture ancestrali di “Self” e nel pianoforte che accompagna la spietata “God”, mentre nella rumorosa introduzione di “Death” e “Mother” compaiono per l'unica volta rimasugli industriali degni del miglior Raison d'Être. “Animus” e “Anima”, legate già nel nome, introducono l'elemento rituale, costante atmosferica di un lavoro ambientato in un passato lontano e pregno di misticismo, come confermato dal bagliore di luce che smuove la polvere in “Maschera” - con un Merinee mai così vicino a Brendan Perry.
La palma di episodio migliore è però equamente divisa fra due brani: la chiusura orchestrale di “De Ignibus Caelestibus” - nella quale l'ospite Scumearth abbandona il laptop per assumere il ruolo del demone “buono” alle vocals - e “Manà”, dove la solenne orchestrazione e l'impeccabile performance di Spica rievocano la Nico di "The End”.

“The Secret Golden Flower” è probabilmente l'apice espressivo degli Eldar, e senza dubbio uno dei loro dischi più coesi e compiuti. La scelta di limitare al minimo la lista dei featuring – in precedenza spesso strabordante – e concentrarsi sulle proprie anime ha giovato non poco al sound dei due, in grado mai come prima di evocare suggestioni mistiche e modellarle in un continuum senza cali né soste. La tensione emotiva è l'elemento in più di uno dei prodotti dark migliori di questo 2012.
Sontuoso.

(31/12/2012)

  • Tracklist
  1. Death
  2. Mother
  3. God
  4. Animus
  5. Shadow
  6. Anima
  7. Manà
  8. Trickster
  9. Self
  10. Maschera
  11. De Ignibus Caelestibus (with Scumearth)
Eldar on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.