David ┼hlen

Selah

2013 (Mishkan) | sacred folk

Passato colpevolmente sotto silenzio, il primo album dello svedese David Åhlén fu un gioiello inestimabile di songwriting, e non esagero se dico che – almeno per quanto mi riguarda – fu davvero abbagliante. Chi ha avuto la fortuna di intercettare “We Sprout In Thy Soil” non ha esitato a definirlo la voce di un angelo caduto, a maggior ragione trattandosi, essenzialmente, di una raccolta di moderni salmi in musica, arrangiati con un raro gusto tanto per il classico quanto per il minimale. Un trio d'archi, un clavicembalo e un contrabbasso fornivano uno dopo l'altro l'esile sostegno al falsetto celestiale di Åhlén, come guidato da visioni ultraterrene alle quali si rivolgeva con devota umiltà, la giusta statura che ci fa grandi agli occhi di Dio.

Sempre in punta di piedi, i nove inni di “Selah” (dall'ebraico, un'esortazione a fermarsi e ascoltare) giungono a quattro anni di distanza su Bandcamp. Laddove permane la formula del canto di lode, è facile notare una svolta nella scelta delle parole, che sempre più fanno pensare a un legame di lunga data, come un flirt amoroso che sembra ormai giunto a compimento. Si parla di sfioramenti, di un'alchimia elettrica di spiriti che conquista la dimensione fisica, non più un sofferto tentativo di avvicinamento a entità irraggiungibili. Rimangono quasi soltanto la chitarra e il menestrello, il quale prende parte a un pas de deux delicato e imperturbabile, talmente puro e sincero da non giungere mai a sembrare naïf, né tantomeno sacrilego.

Un'arte, quella di David Åhlén, che avanza e cresce di pari passo con la coscienza della propria fede. Una maturazione che non accelera il suo corso, paziente e distillata da ogni orpello per divenire autenticamente nuda, sovrabbondante solo in spirito. Che abbiate o meno un vostro credo, difficilmente rimarrete immuni al sublime fascino di questi sospiri d'immortalità.

(09/11/2013)

  • Tracklist
  1. Linger
  2. New Jerusalem
  3. Jesuselectricity
  4. On the verge
  5. Draw us near
  6. Ps 27
  7. Rivers
  8. Be still
  9. Yeshua
David ┼hlÚn su OndaRock
Recensioni

DAVID ┼HLÚN

Hidden Light

(2016 - Volkoren)
Ritorno all'impressionismo cameristico per il canto devozionale dell'eremita svedese

DAVID ┼HLEN

We Sprout In Thy Soil

(2009 - Compunctio)
Le rarefazioni vocali del cantautore svedese ci investono di pungenti e incessanti folate

David ┼hlen on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.