Herrek

Waktu Dulu

2013 (Snowstar) | art-pop

Cresce, il roster Snowstar, con un’aggiunta di spessore, a conferma dell’ormai consolidata scena che si è raccolta intorno all’etichetta e che gravita intorno a Rotterdam. Herrek è infatti il progetto dell’olandese Gerrit van der Scheer, già nei LUIK, al quale partecipa anche il compagno di band Lukas Dikker.
Soundscape affascinanti (la palude incantata di “White”) si rivelano pian piano sulla scorta della voce di van der Scheer, a creare ambientazioni profondamente concettuali e pop allo stesso tempo, in brani eleganti e sfuggenti che ricordano una versione più scarna degli Elbow di “The Seldom Seen Kid” (l’ottima “Drown”).

La sommessa obliquità del vicino I Am Oak (“The Dark”) dice la sua anche in questo “Waktu Dulu” che, a partire dal nome, ha in sé un che di bestiale, di oscuro, forse anche per via dei vocalizzi femminili, che interloquiscono con le improvvise impennate della strumentazione. A volte, per esplicita scelta della band, ci si avventura in territori più sperimentali, come nel tribalismo – un po’ piatto - di “Tiger Eyes”.

“Waktu Dulu” rimane un disco, pur nelle sue velleità alternative, provvisto di emozione (si veda la preghiera di “Team”), anche per il calore che si sprigiona dagli arrangiamenti. Un altro buon colpo targato Snowstar.

(23/01/2013)



  • Tracklist
  1. Rain
  2. Drown
  3. The Dark
  4. Tiger Eyes
  5. My People
  6. Team
  7. White


Herrek on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.