Won James Won

Voinja Vezumija

2013 (R.a.i.g.) | art-rock, experimental, electro-dada

“Dramaturgic magna-opus”, “Voinja Vezumija” è il quinto album dei Won James Won, progetto che da qualche anno grava sulle sole spalle di Daniil “271” Smirnov e Tikhon S. Kubov, qui, comunque, coadiuvati dalla calda e penetrante voce di Sergei Vladimirovich Kagadeev, dalle chitarre di Andrei Astro Gankin, dalla balalaika di Yuri Sinyev e dal bayan (una variante della fisarmonica a bottoni) di Gogenator. Annunciato un annetto fa, il disco è uscito, dopo tre anni di lavoro, solo di recente per la solita R.A.I.G. e mostra come, progressivamente, il loro sound stia diventando meno dirompente e febbricitante.

A cominciare da “First Fuck S01E01.HDTV.ReEnc.x264-BoB”, ci ritroviamo, infatti, alle prese con una versione più raffinata e per certi versi ambiziosa del loro art-rock, qui osservato da una prospettiva ambigua in cui una prima parte a base di folktronica operistica sfocia in una hip-hop visione.
In un disco in cui tutto appare fin troppo calcolato, per cui il fuoco di un tempo si è trasformato in una fiammella espressiva che lentamente lascia spazio ad uno scenario sonoro non esente da punte un tantino artificiose, a dominare la scena è la voce di Kagadeev, maestosamente strisciante in “Yarmokra”, nei rigagnoli metropolitani di “Smerkl” e, soprattutto, nella lunga odissea di “Izvneljudy”, in cui convivono vampate cosmiche e defaticamenti pensosi.

A scortare l’electro-invettiva contro l’arte moderna di “Huchboobchuh” è, invece, la voce di Tikhon, qui nel pieno di una tipica degenerazione-riconfigurazione metalinguistica:”From the galleys down to the galleries they came in dense herds/ Eunuchs–poetizers of rima pudendi/ Coprophagian manifests gape on the ceiling/ The snow anthropophagi play critic tricks/ Tibul chants sluggishly about raison d'etres". E il ritornello-mantra:”Art, Art, Moden Art, Nonconformarium/ Zin, Zor, Modulor – a Moodley on a ball”.

Le ambizioni del duo russo diventano, insomma, sempre più smisurate, soprattutto perché la loro musica – che, invero, non è mai stata solo musica – è ormai definitivamente linguaggio-summa di esperienze, ideologie e tensioni che, a partire dal delirio totalizzante di “Tol’s Toy”, sono state sviscerate in maniera altalenante ma sempre intrigante.
Nel frattempo e tra le altre cose, le destrutturazioni electro(-pop?) di “Etrusich”, le intrusioni gospel di “Sukromnata” e gli affreschi “totali” di  “RUS.EXE.DUS” contribuiscono a delimitare in confini di un lavoro che, per l'appunto, affascina pur nel suo essere irrisolto.

(26/06/2013)

  • Tracklist
  1. First Fuck S01E01.HDTV.ReEnc.x264-BoB
  2. Yarmokra
  3. Smerkl
  4. Dupljak
  5. Izvneljudy
  6. Huchboobchuh
  7. Etrusich
  8. Sukromnata
  9. Safogetty
  10. RUS.EXE.DUS

Won James Won su OndaRock
Recensioni

WON JAMES WON

Red Wedming

(2014 - R.a.i.g.)
L'inafferrabile duo russo ritorna con un concept sulla psico-violenza

WON JAMES WON

Genshtab Desbot

(2012 - autoprodotto)
Ancora un Ep per il duo russo, tra sperimentazione informale e collage-music

WON JAMES WON

Homeostat

(2011 - Accessory Takes)
La compagine russa torna con un Ep di cinque brani, aspettando il prossimo disco

WON JAMES WON

Corpus Unhearmeticum

(2010 - R. A. I. G.)
Nuovi pandemoni post-moderni per i terroristi sonici russi

WON JAMES WON

Les 120 Minuetes de Sadomasonodoraemono cuporamenosodom

(2009 - R. A. I. G.)
Raccolta di outtake e registrazioni dal vivo per il folle collettivo russo

WON JAMES WON

Theorist Attack

(2006 - R. A. I. G.)
Il demoniaco "montaggio delle attrazioni" nel capolavoro della band russa, targato 2006 ..

WON JAMES WON

Theorist Attack

(2006 - R. A. I. G.)

Won James Won on web