Dalhous

Will To Be Well

2014 (Blackest Ever Black) | idm, ambient

Il sole, si sa, è una comparsa piuttosto rara dalle parti di Edimburgo. Le pulsioni di vita e di bellezza sono condannate fisiologicamente a tramutarsi in anelito malinconico e nostalgia senza fondo. In maniera simile, il lungo catalogo elettronico (e dintorni) che ha avuto la sua genesi tra le lande a nord d'Albione ci ha abituato in lunghi anni di inconsapevole riflesso a una situazione geneticamente condizionata, con i Boards Of Canada quale esempio supremo e popolarmente riconosciuto. Duemilaquattordici, così, la storia si ripete senza pietà. Protagonista il duo Dalhous.
Dissipato lo storico velo di mistero che avvolgeva il marchio fin dagli esordi, usciti allo scoperto con interviste e pubblicazioni più regolari, Marc Dall e Alex Ander si ripresentano a poco più di un anno dall'ottimo debutto su album "An Ambassador For Laing" e a pochi mesi dal più hypato Ep "Visibility Is A Trap" con suono e intenzioni sensibilmente mutati.

L'incontenuta ma intima solarità della frizzante opera prima ha finito per annebbiarsi in un cielo scolorito e nuvole in addensamento all'orizzonte. I Dalhous si ritrovano così a passare in rassegna memorie, ferite e desideri per mezzo di vignette eniane astratte e sfuggenti, come suggestioni svanite prima di essere ancora codificate, come nuvole fluttuanti in un cielo estivo alquanto inclemente.
Le quindici tracce scorrono così come impressioni fugaci e sfocate, eppure altamente compresse di stratificazioni e stimoli: quella dei Dalhous è ambient music comunicativa, alla maniera dei primi Autechre, di certo Sasu Ripatti e di vari teutonismi d'annata, si agita nervosa tra sample vilipesi, increspature droniche e beat a sorpresa, mal prestandosi al semplice ruolo di sfondo chill-out.
Indubbio, quindi, il fascino per il vintage elettronico, dagli effluvi gusto mandarino e colonia francese fino alla selezionatissima scelta dei visual, in cui vengono alternate bucoliche immagini retrò con documentari psichiatrici (la figura di Laing è ricorrente non a caso), il tutto con tocco elegante e personale, con i piedi nel presente e senza scadere mai negli scimmiottamenti di sorta.

Non lasciatevi trarre in inganno, quindi, dal cupo richiamo del nome Blackest Ever Black: quella dei Dalhous è musica emotiva e discorsiva, che si inserisce ultima in ordine temporale nella tradizione elettronica votata all'umanesimo piuttosto che all'effetto e all'atmosfera. Come tale, "Will To Be Well" non sarà probabilmente un album per tutti, ma per i tanti che dall'elettronica richiedono dinamica, sentimento, contraddizione e spunti aperti. Oltre che sentirsi bene, molto bene.

(15/07/2014)

  • Tracklist
  1. First Page From Justine
  2. A Communion With These People
  3. Function Curve
  4. Sensitised To This Area
  5. Lovers Of The Highlands
  6. Four Daughters By Four Women
  7. Her Mind Was A Blank
  8. Transference
  9. To Be Universal You Must Be Specific
  10. Someone Secure
  11. Entertain The Idea
  12. Abyssal Plane
  13. Thoughts Out Of Season
  14. DSM-III
  15. Masquerading As Love
Dalhous on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.