Falty DL

In The Wild

2014 (Ninja Tune) | future jazz, uk garage, idm

Giunto alla prova del fuoco dopo tre album poco meno che straordinari, Drew Cyrus Lustman in arte FaltyDL pubblica “In The Wild”, sempre su Ninja Tune, dopo due uscite con la Planet Mu.
Se “Hardcourage” era uno scintillante successore del suo album migliore (“You Stand Uncertain”), questa nuova tappa del percorso dell'americano ha fin da subito la stimmate del disco di transizione.

Spiace constatare la sostanziale confusione e indecisione che attanagliano la musica del fin qui poliedrico compositore a stelle e strisce, giunto a un punto di svolta e apparentemente incapace di trovare uno sfogo alla sua immensa creatività. Le diciassette tracce di “In The Wild” sono un miscuglio di Uk garage, rivoli di future jazz e tentazioni Idm che girano su sé stesse, trovando occasionalmente lo spunto interessante (i loop vocali di “Do Me”) senza tuttavia raggiungere un'efficacia d'insieme.
Lo stesso meticciato elettronico che aveva contraddistinto gemme come “Stay I'm Changed”, “Uncea” o “Korben Dallas”, anche solo facendo riferimento al disco precedente, qui non ha la medesima presa, sfociando in primis in una prosopopea infarcita da inspiegabili intermezzi da poco meno di un minuto.

Quando un minimo di vibrazioni tornano a scuotere il torpore, viene fuori qualche buono spunto (la cantata “Frontin”, il buon pathos di “Dos Gardenias”), soprattutto con “Heart & Soul”, l'unico vero episodio degno del passato, canzone magistralmente avviluppata fra scosse Uk garage, movimenti dubstep e campioni vocali. Il resto è calma piatta o quasi, fra uscite proto-ambient (“Grief”), Idm dal sapore Warp (non male “In The Shit”) e alcuni manierismi evitabili (“Dånger”, “Some Jazz Shit”).

L'unico modo per superare la tangibile delusione dopo l'ascolto del quarto disco di FaltyDL è tornare ad ascoltare i precedenti tre, con la speranza che questo sia solo un errore di percorso. L'americano ha in mano la sua carriera ancora giovane, il suo talento non ci tradirà una seconda volta, ne siamo sicuri.

(14/10/2014)



  • Tracklist
  1. Aquí, Port Lligat     
  2. New Haven     
  3. Uptight     
  4. Do Me     
  5. Greater Antilles, Part 1     
  6. Nine     
  7. Frontin     
  8. Untitled 12     
  9. Ahead The Ship Sleeps     
  10. Rolling     
  11. Dos Gardenias     
  12. Heart & Soul     
  13. Grief     
  14. In The Shit     
  15. Dånger     
  16. Some Jazz Shit
Falty DL su OndaRock
Recensioni

FALTY DL

Heaven Is For Quitters

(2016 - Blueberry Records)
La sublimazione dell'arte del producer americano nel suo sesto album

FALTY DL

Rich Prick Poor Dick

(2015 - Ninja Tune)
Un gustoso 12" per Drew Cyrus, in attesa del nuovo album

FALTY DL

Hardcourage

(2013 - Ninja Tune)
Dopo l'ottimo "You Stand Uncertain", torna l'artigiano elettronico FaltyDL

FALTY DL

You Stand Uncertain

(2011 - Planet Mu)
Un nuovo talento pescato dalla storica Planet Mu, fra dubstep e Uk garage

News
Falty DL on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.