Jennifer Gentle

I Am You Are/ Funny Creatures Lane (ristampa)

2015 (Bomba Dischi) | psych-rock, alt-rock

I Jennifer Gentle sono una delle band più singolari mai apparse nel panorama indie-rock italiano: forti di un atteggiamento in grado di stratificare sperimentazione, vena psichedelica e sfumature pop, arrivarono a essere la prima formazione di casa nostra a incidere per la Sub Pop. Dopo aver consolidato negli anni la propria fama, sia fra le pareti domestiche che all’estero, oggi la formazione guidata da Marco Fasolo immette sul mercato una riedizione dei primi due album, “I Am You Are” e “Funny Creatures Lane”, in una confezione a tiratura limitatissima.
Sono i due lavori che continuano a essere i più amati dai fan, e che delinearono i tratti fondamentali del loro approccio musicale, che in seguito si lancerà anche in percorsi molto più sperimentali, e conseguentemente meno accessibili. “I Am You Are “ e “Funny Creatures Lane” vennero già ripubblicati nel 2003 come doppio cd dalla label australiana Lexicon Devil, ma in questo caso le tracklist sono arricchite da numerose bonus track inedite: provini, idee, suggestioni, versioni demo e live di quegli anni, per un totale di trentatré tracce.

“I Am You Are” (2001), l'esordio ufficiale del gruppo, disegnò subito un’estetica fortemente incentrata sulle visioni allucinate di Syd Barrett e sulle aspirazioni oblique dei Pavement epoca “Slanted And Enchanted”, come ben fissato (tanto per fare un esempio) fra i solchi di “Sweet Girl, I Love You!”.
Siamo al cospetto di una forma di psichedelia attualizzata attraverso la lente d’ingrandimento indie, che va dai lisergici raga circolari di “Rubber And South” e “Bring Them” alle follie assortite di “The Strumpfhose Melodie” e “Husbands”, passando per il lo-fi dissennato di “The Pilots” e soprattutto per il capolavoro alt-pop “No Mind In My Mind”, che da solo forgia una carriera incentrata sulla ricerca degli accostamenti bizzarri.

Soltanto un anno più tardi i Jennifer Gentle consolidarono la propria posizione grazie a “Funny Creatures Lane” (2002), ampliando la cerchia di fedelissimi e speziando sempre di più le composizioni con l’ausilio di strumenti inusuali (per il rock alternativo).
Le idee presenti nel capitolo d’esordio vennero perfezionate ed estremizzate in un magma nel quale le filastrocche barrettiane (“My Memories’ Book”, “Floating Fraulein”) si alternano ad atmosfere tarantiniane (“Mad House”) e le parentesi anarchico- rumoriste (“Ectoplasmic Garden Party”) vanno a braccetto con le danze paesane della lunga conclusiva “The Wax Dolls Parade”.

L’atmosfera generale si fa ancor più eccentrica, e brani come “Oui, c’est moi!”, “The Stammering Ghost” e “Lord Hypnosis” rendono il lavoro tutt’altro che commerciale, attirando però la curiosità anche oltre i confini nazionali, per un prodotto senza dubbio ricco di personalità.
Discorso a parte merita “Couple In Bed By A Green Flashing Light”, in grado di mostrare il volto che i Jennifer Gentle tendono a scoprire sul palco: un lungo brano psichedelico, guidato dal sitar e da percussioni ossessive, che gradualmente si fondono con i feedback delle chitarre fino a realizzare un crescendo imperniato su un wall of sound impressionante.

Fra le bonus track di questa ricca reissue vanno segnalate almeno lo psych-blues di “Ana’s Make-up” e la versione dal vivo di “Rubber And South” che diviene quasi doorsiana.
Viene così chiuso definitivamente il cerchio su due capitoli fondamentali di un percorso fra i più singolari mai prodotti nel nostro paese. Di lì a poco arriverà l’interessamento da parte della Sub Pop e la produzione di altri album importanti, ma questa sarà un’altra storia da raccontare.

(30/03/2015)

  • Tracklist

Cd1: I Am You Are

1. Sound-Check
2. Sweet Girl, I Love You!
3. Rubber And South
4. Rudy’s Key-balls
5. No Mind In My Mind
6. Bring Them
7. Always Been Together
8. The Strumpfhose Melodie
9. Caterpillar Song
10. Husbands
11. The Pilots
12. Since I’ve Seen The Seas

Bonus track

13. Sweet Girl, I Love You! (demo)
14. No Mind In My Mind (original)
15. Ana’s Make-up
16. Empty Hours
17. Occipital Spasm (live)
18. Rubber And South (live)
19. Rigor Mortis

Cd2: Funny Creatures Lane

1. My Memories’ Book
2. Locoweed
3. Wondermarsh
4. Mad House
5. Oui, c’est moi!
6. Floating Fraulein
7. Ectoplasmic Garden Party
8. The Stammering Ghost
9. Ultraviolet Lady Opera
10. Lord Hypnosis
11. Couple In Bed By A Green Flashing Light
12. The Wax Dolls Parade

Bonus track

13. Verde Mostro
14. Bring Them (live)

Jennifer Gentle su OndaRock
Recensioni

JENNIFER GENTLE

Concentric

(2010 - A Silent Place)
Il compimento maturo dell’anima avventurosa di Marco Fasolo

JENNIFER GENTLE

The Midnight Room

(2007 - Sub Pop)

Nuovo capitolo per gli alfieri della psichedelia "made in Italy"

JENNIFER GENTLE

Valende

(2005 - SubPop)

Jennifer Gentle on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.