The Star Pillow

Quattro dialoghi fuori campo

2019 (Delete Recordings) | drone, psych, ambient

Da più di dieci anni alfiere di una drone-music estremamente emotiva, connotata da strascichi di cinematografia, ai primi vagiti del 2019 Paolo Monti decide di svestire per un attimo i panni del “semplice” compositore di colonne sonore intime (“Invisible Summer”) e ardenti suite cosmiche (“Symphony For An Intergalactic Brotherhood”), imbracciando un romantico megafono da regista. Così, “The Star Pillow” scrive e dirige “Quattro dialoghi fuori campo”, pubblicati su nastro dalla torinese Delete Recordings: un poker di “storie e pensieri” sfocati con un bluff ben assestato al cuore.

L'arpeggio elettrico che, nubiloso, apre l'“Ultimo ballo” volteggia in un'aria densa di ricordi legati a una vita ormai lontana, sublimandosi pian piano in un bordone celestiale degno del Benoît Pioulard più ascetico. La “Piena” successivamente tratteggiata si dipana tra evocazioni ambientali orientate all'estasi e tiepide pennellate lo-fi, che ne dirottano il percorso verso le sponde esplorate già da Tiny Vipers e Grouper qualche anno fa, nel debutto del loro progetto-meteora “Mirrorring”.

Con una sincope, la “Piena” si tramuta d'improvviso in “Pena”, e una manciata di struggenti note di chitarra delinea i malinconici contorni di una possibile, nuova perla custodita nel guscio dei redivivi Labradford, prima di svanire nell'annientante energia di un'ignota regione spazio-temporale. Il quarto e ultimo “dialogo”, “Spaccanapoli”, ci trascina in un sogno primaverile ambientato nell'arteria pulsante della “città nuova”, dove gli attori ondeggiano in slow-motion tra rassicuranti slide guitar e pregiati arazzi drone-folk.
Per ammissione dello stesso Monti, “Quattro dialoghi fuori campo” rappresenta “l'istantanea di un momento di transizione”. Ma si tratta comunque di uno scatto di cui vale la pena appropriarsi, per poterlo ammirare anche quando questo “cuscino a forma di stella” cambierà nuovamente fisionomia.

(31/01/2019)



  • Tracklist
  1. Ultimo ballo
  2. Piena
  3. Pena
  4. Spaccanapoli
The Star Pillow su OndaRock
Recensioni

THE STAR PILLOW

Invisible Summer

(2017 - Midira Records)
Incantesimi zen e rituali estivi nel ritorno del compositore ambient Paolo Monti



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.