11/01/2023

Savage Republic

Freakout, Bologna


di Ossydiana Speri
Savage Republic

Nella giungla di Los Angeles è stata proclamata una repubblica indipendente, una Jonestown che non ha bisogno di predicatori e suicidi di massa. Il suo inno è il rintocco di un barile sfondato, il suo credo il tribalismo psichedelico. Visioni mediorientali, complotti internazionali, retorica dell'assedio proto-rave: questo e molto altro risuona nella batucada pagana dei Savage Republic, che sovrapponendo membrana e metallo hanno tessuto un nuovo prototipo di arazzo industriale.

 

Il dj-set, vai a capire perché, rimastica indolenze in bassa fedeltà: Pavement, Sebadoh, Lemonheads. Quanto di più lontano dalla furia che inizia ad addensarsi già nell'allestimento del palco (su cui troneggia un imponente bidone metallico), confermata da una programmatica intro di percussioni stura-timpani. Non sono da meno il balzo felino di "Nothing At All" e il garage spaziale di "Stingray", prime due scie di una "Meteora" passata inosservata.
Il lato gotico della faccenda si fa strada tra "Newport '86", atmosferica come le sonorità che andavano forti nell'anno del titolo, e una "27 Days" sul filo del noise, rabbonita dal melodismo dronico di "Hippodrome". La vocazione strumentale di questi brani conferma la natura ambiguamente rituale dei Savage Republic, sonorizzatori di acid test da cantiere avvolto nell'edera.

Le percussioni regnano sovrane nella marcia post-punk di "Mobilization" e nell'imboscata beduina di "Siege", mentre il sirtaki di "Trek" mantiene la promessa di un lungo viaggio (lisergico), seppur scosso da urla urticanti. Come in un double-screen warholiano, il festino imperversa sia sopra che sotto il palco, tra la costante rotazione strumentale dei quattro e le danze scomposte di alcune spettatrici in trance.
Vibrazioni psichedeliche attraversano anche il deserto abbacinante di "Spice Field", che sembra davvero sprigionare aromi speziati, mentre il riverberato surf di "Bizerte Rolls" è la carta più inattesa del mazzo, al punto che un paranoico Thom Fuhrmann si premura di mettere le mani avanti sulla traballante confidenza tecnica dei "non-musicisti nella band".

Rimaniamo nei Sixties con una "O Adonis" che pare pescata da "Nuggets", travasando il ronzio ellenico della 12 corde anche nel torvo sabba di "Year Of Exile", un ponte in rovina sul girone dei dannati. L'inconfondibile progressione di "Ivory Coast" e l'inno "Next To Nothing", più primitivista che nichilista, provvedono dal canto loro a confortare gli irriducibili del primissimo periodo.
"Recording this in Chicago with Steve Albini was an amazing experience", ci informano prima d'inforcare "Siam", ma possono star sicuri che anche ascoltarla dal vivo non è affatto da buttare come esperienza. Anticipato dai tamburi di guerra di "1938", lo psicodramma di "Procession", minacciosa chiusa del capolavoro "Tragic Figures", non può che sigillare anche questa performance, frantumandosi in un drum circle collettivo che ricompone l'anello con gli spasmi dell'incipit.

 

Le orecchie continueranno a fischiarmi per l'intera giornata successiva: non una lieta notizia, se di mestiere fai la fonica. Ma tutte le esperienze forti pretendono in pegno qualcosa, e l'accesso alla Repubblica Selvaggia è subordinato all'amputazione delle nostre certezze.



Setlist

Intro
Nothing At All
Stingray
Newport '66
27 Days
Hippodrome
Mobilization
Siege
Trek
Spice Fields
Bizerte Rolls
O Adonis
Year Of Exile
Ivory Coast
Next To Nothing
Siam
1938
Procession

Savage Republic su OndaRock
Recensioni

SAVAGE REPUBLIC

Varvakios

(2012 - Ltm Publishing)
Lo storico collettivo di Los Angeles torna a innamorarsi della Grecia

SAVAGE REPUBLIC

Tragic Figures

(1982 - Independent Project)
Il devastante debutto del combo californiano. Una cupa liturgia tribale nel deserto