Motorpsycho

It's A Love Cult

2002 (Stickman) | rock

Con i norvegesi Motorpsycho vado a corrente alternata: per lunghi periodi non li seguo poi improvvisamente mi tornano in mente. L'ultimo che avevo comprato è "Roadworks vol 2", quindi non avevo seguito l' ultimissima produzione. Poi una stroncatura senza appello in una nota rivista che non stronca mai nessuno. Perché? Stimo talmente l'impostazione di tale rivista che subodoro il capolavoro e corro a comprare "It's a love cult".

Si parte con "Uberwagner or a Billion bubbles in my mind", riff con chitarrona in primo piano (con refrain che mi ricorda un pezzo degli XTC, a voi scoprire quale), progressione “old fashion”, mellotron sullo sfondo, assolo di chitarra in pieno stile Seventies. Potrebbe essere un pezzo dei Led Zeppelin. Comincio a capire il perché di certe critiche. "Circle" è un bellissimo pezzo che parte con l'acustica, lento ed espressivo l'impianto melodico, bel giro armonico, finale in crescendo; La successiva "Neverland" è ancora più spudoratamente revanscista, con un impianto addirittura pre-progressive, un hammond che imperversa e un ritornello che non esce di testa. Si passa poi a "This Otherness", più di sei minuti, sinuosa, lievemente psichedelica, in fortissimo debito con gli ai più sconosciuti talentuosi gruppi svedesi Landberk e Anekdoten.

 

Le nostre papille reazionarie cominciano a essere titillate ed ecco "Carousel", sette minuti, chitarra acustica e archi in primo piano, bella melodia e finalone vergognosamente ispirato a "Kashmir" e alla parte finale di "Rain song", entrambe del dirigibile. Il cd prosegue poi sulle stesse coordinate, con due bei pezzi di pop sovrarrangiato come "Serpentine" e "What if...", siamo in piena zona Beatles con un forte retrogusto canterburyano, una lentissima "The mirror and lie", e sul finire "Cluster last stand", tirata e decisamente più attuale come suoni, e "Composite head" con i Fab Four che potrebbero sporgere denuncia.

 

Si può dire tranquillamente che i Motorpsycho stanno facendo una battaglia di retroguardia, che "It's a love cult" è un disco di taglia e incolla di varie influenze tutte poste ad almeno 25 anni dalla data di uscita, che è un disco poco coraggioso, citazionistico, a tratti al limite del plagio, incredibilmente derivativo. Ma nessuno a mio parere può dire che è un disco brutto, e questo è l'importante. O no ?

(03/11/2006)

  • Tracklist
  1. Uberwagner
  2. Circles
  3. Neverland
  4. This Otherness
  5. Carousel
  6. What If...
  7. The Mirror & The Lie
  8. Serpentine
  9. One More Daemon
  10. Composite Head
Motorpsycho su OndaRock
Recensioni

MOTORPSYCHO

Kingdom Of Oblivion

(2021 - Stickman)
Ennesima conferma per i prolifici e instancabili norvegesi

MOTORPSYCHO

The All Is One

(2020 - Stickman)
La storica band norvegese chiude la trilogia con una monumentale suite di quarantadue minuti

MOTORPSYCHO

The Crucible

(2019 - Stickman Records)
Un ritorno a buoni livelli per la storica band norvegese

MOTORPSYCHO

The Tower

(2017 - Stickman)
Ritorno al disco doppio di jam rocciose per i tre norvegesi

MOTORPSYCHO

Here Be Monsters

(2016 - Stickman)
Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO

Supersonic Scientists

(2015 - Stickman)
Doppia retrospettiva per festeggiare il traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Behind The Sun

(2014 - Stickman)
Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO

Still Life With Eggplant

(2013 - Stickman)
Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO

The Death Defying Unicorn

(2012 - Rune Grammofon)
Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz ..

MOTORPSYCHO

Heavy Metal Fruit

(2010 - Rune Grammofon)
La band norvegese ritorna con un disco ancora più "pesante"

MOTORPSYCHO

Child Of The Future

(2009 - Rune Grammofon)
Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band ..

MOTORPSYCHO

Little Lucid Moments

(2008 - Rune Grammofon)
Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO

Black Hole / Blank Canvas

(2006 - Stickman)
La truppa motorpsichedelica si cimenta in un album doppio

News
Live Report
Motorpsycho on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.