Joseph Arthur

Redemption's Son

2003 (Real World) | songwriter

Joseph Arthur come colonna sonora di uno spot televisivo?! Ebbene sì, a quanto pare anche questo è possibile, visto che la splendida "In the sun", tratta dal precedente album del songwriter di Akron, è stata recentemente utilizzata per la pubblicità di un profumo...
Certo, è difficile immaginare l'ombroso e introverso Joseph come una futura popstar… Sta di fatto, però, che "Redemption's son" rappresenta effettivamente il capitolo dalla attitudine più "pop" della discografia dell'artista scoperto da Peter Gabriel, che giunge oggi a siglare il proprio terzo album.

Pop nell'accezione più nobile del termine, ovviamente, nel senso di un'inconfondibile sensibilità nel trovare la via più semplice (ma non necessariamente facile…) per arrivare all'essenza. Ogni nota di "Redemption's son", infatti, cela dietro al velo della propria apparente semplicità, che rimanda alle atmosfere dell'album di debutto "Big city secrets", un profondo lavoro di cesello, che dilata le intuizioni di partenze in una stratificazione di generi tutta da scoprire.
L'asciutto rigore folk-rock del precedente "Come to where I'm from", che pure rimane probabilmente il capolavoro di Joseph Arthur per la sua straordinaria intensità, lascia così spazio a un intreccio di suoni che, dalle vibranti divagazioni psichedeliche di "Nation of slaves", giunge sino agli accenti funky di "Buy a bag", passando attraverso i preziosi intarsi acustici e sintetici che avvolgono la lunga "Termite song".

Il cuore del disco, tuttavia, è rappresentato da suadenti ballate come "Honey and the moon", "September baby", "Favorite girl", "You are the dark" e "You've been loved", con i loro versi densi di vivide immagini di malinconia e di trepidante attesa, oltre che dalla freschezza di pop-song quali "In the night" e, nella versione americana del disco, "Let's embrace" e "Dear lord".
Una complessità musicale che emerge ancora più vividamente dall'ascolto degli altri due lavori pubblicati da Joseph Arthur quasi contestualmente all'uscita del nuovo disco, vale a dire i quattro Ep "Junkyard hearts", che accentuano la ricerca di sonorità elettroniche verso orizzonti dalle tinte cupe, e l'album della band Holding The Void, nel quale il songwriter americano lascia viceversa libertà alla sua vena più aggressiva e diretta.
Ma vera protagonista della scena è la voce di Joseph Arthur, affascinante incrocio tra Leonard Cohen e Jeff Buckley, che si avventura con lo stesso trasporto in delicati falsetti ("Innocent world") o in asperità rock ("Permission").

L'unico limite dell'album è forse l'eccessiva lunghezza (oltre 70 minuti) e la quantità di idee che vi sono concentrate, che richiedono un ascolto attento a cogliere i molteplici livelli di lettura del disco, senza perdersi in alcune momentanee sfilacciature. In ogni caso, uno dei lavori più brillanti del 2002, da collocare sullo scaffale accanto alle dolenti melodie di "Sea Change" di Beck.

(25/10/2006)

  • Tracklist

1 Redemption's son
2 Honey and the moon
3 You could be in jail
4 I would rather hide
5 Innocent world
6 September baby
7 Nation of slaves
8 Evidence
9 Buy a bag
10 Termite song
11 Permission
12 Favorite girl
13 You are the dark
14 In the night
15 Blue lips
16 You've been loved

Joseph Arthur su OndaRock
Recensioni

JOSEPH ARTHUR

The Family

(2016 - Real World / True North)
Un vecchio pianoforte dà ad Arthur l'ispirazione per aprire il suo album di famiglia

JOSEPH ARTHUR

Days Of Surrender

(2015 - Lonely Astronaut)
Un regalo ai fan in confezione artigianale, direttamente dalle registrazioni casalinghe di Arthur

JOSEPH ARTHUR

Lou

(2014 - Vanguard)
L'omaggio appassionato di Joseph Arthur all'amico e maestro Lou Reed

JOSEPH ARTHUR

The Ballad Of Boogie Christ - Act 1

(2013 - Real World / Lonely Astronaut)
Il songwriter americano svela il primo atto del suo progetto più ambizioso

JOSEPH ARTHUR

The Ballad Of Boogie Christ - Act 2

(2013 - Real World / Lonely Astronaut)
Una conferma asciutta e stringente per il secondo atto del nuovo concept di Arthur

JOSEPH ARTHUR

Redemption City

(2012 - Lonely Astronaut)
Un doppio album in download gratuito a base di spoken word e accenti sintetici

JOSEPH ARTHUR

The Graduation Ceremony

(2011 - Lonely Astronaut)
Un ritorno solista che riconcilia il songwriter americano con la sua anima più autentica

JOSEPH ARTHUR

Could We Survive

(2008 - Lonely Astronaut)

Torna il Joseph Arthur dei tempi migliori per una nuova serie di Ep

JOSEPH ARTHUR

Crazy Rain

(2008 - Lonely Astronaut)
Suoni aspri e drum machine per il nuovo Ep del songwriter americano

JOSEPH ARTHUR

Vagabond Skies

(2008 - Lonely Astronaut)
Un Ep all’insegna delle ballate pop per il songwriter americano

JOSEPH ARTHUR

Foreign Girls

(2008 - Lonely Astronaut)

Arthur chiude il suo ciclo di Ep con il lato più solare

JOSEPH ARTHUR & THE LONELY ASTRONAUTS

Temporary People

(2008 - Lonely Astronaut)

Il songwriter americano nuovamente alla guida dei Lonely Astronauts

JOSEPH ARTHUR & THE LONELY ASTRONAUTS

Let's Just Be

(2007 - Lonely Astronaut)

L’improvvisata incursione rock di Joseph Arthur

JOSEPH ARTHUR

Nuclear Daydream

(2006 - Lonely Astronaut Records)

Un ritorno convenzionale per il songwriter americano

JOSEPH ARTHUR

Our Shadows Will Remain

(2004 - Vector Recordings)

Joseph Arthur on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.