Richard Hawley

Cole's Corner

2005 (Mute) | pop

Dopo aver pubblicato "Late Night Final" nel 2001, "Lowedges" nel 2003 e aver collaborato con i Pulp (suonando in quel "We Love Life" prodotto da Scott Walker che ora nomina Hawley appena ne ha l'occasione), All Saints (ricordate la cover dei Red Hot Chili Peppers "Under The Bridge"?), Robbie Williams e Finley Quaye (d'altronde l'affitto e le bollette bisogna pur pagarli!), prodotto Nancy Sinatra (che ha insistito perché la coppia Hawley/Cocker, sotto il nome di "Feral Cats", aprisse i concerti che ha tenuto questa primavera in Europa), Richard Hawley approda alla Mute con questo suo terzo disco solista.

Sin dalle prime note, si capisce subito che questo è un disco di gran classe. Con la sua voce calda e conciliante, Richard Hawley trafuga alcune delle atmosfere tipicamente americane per trapiantarle a Sheffield, regalandoci un disco dalle tinte fortemente anni Cinquanta, elegante, vagamente orchestrale e chissà quanto autobiografico.

Così, se l'iniziale "Cole's Corner" piacerà tanto ai fan dei primissimi Cousteau, "(Wading Through) The Waters Of My Time" potrebbe rimandarci al miglior Johnny Cash. Country primaverile per "Just Like The Rain" e "I Sleep Alone". "Hotel Room" e la sua chitarra quasi hawaiana sembrano il resoconto di un soggiorno al mare giunto al termine. Il singolo "The Ocean" ci ammalia. Più giocosa e scherzosa "Born Under A Bad Sign". Minimale e intimista "Tonight", durante la quale, a uno a uno, si aggiungono strumenti (prima il basso, poi i violini) a celebrare memorie lontane. "Who's Going To Shoe Your Pretty Little Feet" è un derivato della rassegnazione.

"Cole's Corner" potrebbe essere un punto d'incontro come ce ne sono tanti al mondo, dove si incontrano gli amici prima di andare al parco tutti insieme (ma potrebbe anche essere un angolino del parco), un ritrovo per famiglie o un nascondiglio per innamorati.

Per chi ama "I'm Your Man" di Leonard Cohen e adora "Scott 3" di Scott Walker.
  • Tracklist
  1. Cole's Corner
  2. Just Like The Train
  3. Hotel Room
  4. Don't Wait For Me
  5. The Ocean
  6. Born Under A Bad Sign
  7. I Sleep Alone
  8. Tonight
  9. (Wading Through) The Waters Of My Time
  10. Who's Going To Shoe Your Pretty Little Feet
  11. Last Orders
Richard Hawley su OndaRock
Recensioni

RICHARD HAWLEY

Standing At The Sky's Edge

(2012 - Parlophone)
L'ex-Pulp "si arrabbia", abbandonando l'orchestra per tornare alla psichedelia e al britpop

Richard Hawley on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.