Queens Of The Stone Age

Over The Years And Through The Woods (live)

2005 (Interscope) | stoner rock

E' comprensibile che una band, arrivata al quarto album in studio, scelga di proporre al mercato una retrospettiva del proprio lavoro, sia per prendere tempo o sia per un genuino coinvolgimento nell'operazione. C'è chi decide di pubblicare raccolte di inediti, i più noiosi fanno una compilation (magari un pedestre Greatest Hits), ma per un gruppo come i Queens of the Stone Age la mossa più congeniale è, prevedibilmente, un disco live duro e puro, in cui rileggere le migliori pagine di una carriera seppur breve già a suo modo leggendaria, in una dimensione che riduce al minimo l'artifizio di una raccolta fine a sé stessa e che tenta, nei limiti del possibile, di coinvolgere l'ascoltatore occasionale come il fan più incallito.

Per quanto riguarda il repertorio, non si tratta di brani registrati durante il solo tour del 2005, ma di un assemblaggio di varie registrazioni live (alcune anche con Dave Grohl, ascoltare "Song For The Dead" per credere), ma comunque è garantita una certa compattezza dalla solidità del materiale: si inizia con una sempre stellare e pulsante "Go With The Flow", per poi ripercorrere i fasti di "Regular John", potente e precisa, uno dei loro migliori riff. "Monsters In The Parasol", dall'osannato R, splende decisamente di più qui che nella pallida versione in studio, mentre "Tangled Up In Plaid", uno dei momenti più godibili del loro recente "Lullabies To Paralyze", riesce sempre a far spuntare un bel sorrisone, anche se l'esecuzione non è impeccabile (soprattutto dal punto di vista vocale). Segue una vivace ma non essenziale versione di "Little Sister", per poi ritornare indietro al primo album con "You Can't Quit Me Baby", mastodontica e delirante, mentre "I Wanna Make It With Chu" viene direttamente dal vol.9 delle "Desert Sessions" di Homme e soci.

"Leg Of Lamb" è offerta in una versione più pensosa e cupa dell'originale, come si può dire anche di "I Think I Lost My Headache". L'impenetrabile "Mexicola", dal primo album è servita in una versione mozzafiato, anche se con qualche imprecisione, mentre "Burn The Witch" è trascurabile come sull'album. "Song For The Dead" è qui in una versione caotica e spettacolare, lunga quasi otto minuti, come "No One Knows", uno dei loro classici, presente però in una esecuzione non proprio imperdibile. Anche "Long Slow Goodbye" passa i sette minuti, preceduta com'è da un'introduzione chitarristica cazzeggiata ma divertente.

Tutto sommato, anche se non sempre le esecuzioni sono memorabili, si tratta di un buon compendio dello stile dei Queens, in una dimensione a loro sicuramente congeniale, nella quale il loro stoner-pop (mi sia concessa questa definizione non per forza spregiativa) assume connotati di acidula grandiosità. Un buon documento.

(31/10/2012)

  • Tracklist

Disc 1

  1. Go With The Flow
  2. Regular John
  3. Monsters In The Parasol
  4. Tangled Up In Plaid
  5. Little Sister
  6. You Can't Quit Me, Baby
  7. I Wanna Make It Wit Chu
  8. Leg of Lamb
  9. I Think I Lost My Headache
  10. Mexicola
  11. Burn The Witch
  12. Song For The Deaf
  13. No One Knows
  14. Long Slow Goodbye

Disc 2

Bonus Material (Dvd)

Queens Of The Stone Age su OndaRock
Recensioni

QUEENS OF THE STONE AGE

Villains

(2017 - Matador)
Nelle mani di Mark Ronson, la creatura di Josh Homme si distanzia sempre di più dallo stoner ..

QUEENS OF THE STONE AGE

... Like Clockwork

(2013 - Matador)
Sesto lavoro in studio per la band di Josh Homme, con dieci riuscite canzoni ed una sfilza di ospiti ..

QUEENS OF THE STONE AGE

Era Vulgaris

(2007 - Interscope)

I paladini dello stoner-rock accompagnati da molti ospiti illustri

QUEENS OF THE STONE AGE

Songs For The Deaf

(2002 - Interscope Records)
Uno dei dischi che hanno fondato lo stoner-rock

KYUSS

Blues For The Red Sun

(1992 - Dali)
Un caposaldo dello stoner-rock degli anni Novanta



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.