Röyksopp

The Understanding

2005 (Astralwerks) | electro, pop

Only this moment: estate languida di dolci armonie, estate di colori, estate spensierata, estate radiofonica che suona canzoni bruciate dal sole, che la notte fa echeggiare appena in lontananza.
Colonna sonora di riviere di giorno stipate, piccoli deserti sabbiosi la notte.
E ancora amori e ricordi d'amori veri o presunti, specchiati nei contrasti d'allegria dolceamara e nei sommessi turbamenti, nostalgie del non vissuto e del quasi vissuto che s'amplificano e che rinascono fra le braccia di una canzone: la sola che, trattenendo immagini e sapori, rimane infine nel ricordo, col mare come unico leit-motiv.

"Only This Moment" è tutto questo, ma è soprattutto il singolo di "The Understanding", un disco estivo, anzi il disco estivo che immortala in dodici momenti gli alchemici chiaroscuri di foto marittime ritoccate al laptop, raccogliendole nell'album dei ricordi che verranno, insieme con tutto l'immaginario che la stagione evoca.
Non è banale per una band che fa il botto in modo così deflagrante al primo tentativo presentarsi alla seconda prova con le idee chiare.
Con un disco come "Melody A.M." sulle spalle, che porta con sé il peso di quasi un milione di copie vendute, la tentazione di rifare il medesimo album può essere alta, almeno quanto quella di prenderne schizofrenicamente le distanze; e invece i Röyksopp risolvono il rompicapo col talento dei musicisti consumati, emancipandosi dalle ingombranti attese senza con ciò smarrire una sfrontatezza indie perfettamente a suo agio nei salotti buoni del mainstream.
Se il debut album aveva dalla sua tre singoli forti, delegando il resto a frastagliati ambientalismi dal sapore nordico, il suo successore non solo vira verso le canzoni, ma lo fa sposando climi ben più temperati, aggiornando, di fatto, l'estetica dell'europop, che nella scuola scandinava ha da sempre degli esponenti d'eccellenza.

"The Understanding" è insieme giorno e notte, è una selva boreale che si scalda nei dolci climi delle isole mediterranee, è l'incontro tra profumate sinfonie strumentali (il valzer per sintetizzatori "Triumphant", che apre l'album), o tese progressioni notturne (un altro stupendo strumentale, la mini suite "Alpha Male"), ed esplosivi clangori spiaggistici, siano essi quelli di "Follow My Ruin", griffato dance-pop che Bryan Ferry non scrive da quasi un ventennio, o di "49 Percent", canzone dall'anima black e dai connotati house intepretata da Chelonis R Jones dei Get Physical.
Se si eccettua ancora l'estasiante e cristallina "What Else Is There?", cantata da una sensuale Karin Dreijer degli svedesi Knife, qui a metà strada fra una Bjork in versione balneare e una Cyndi Lauper d'annata, a sorprendere sono proprio le voci di Torbjørn Brundtland e Svein Berge, che prendono in mano le restanti parti vocali con esiti a dir poco brillanti, senza ricorrere a nomi cool, come fu quello di Erlend Øye dei Kings Of Convenience in "Melody A.M.".
Dal lungomare ventoso giungono le malinconiche e incantate solitudini di "Beautiful Day Without You", che col suo synth-pop a mezza voce, da stretta al cuore, conduce a vette di melodismo da far invidia ai maestri Pet Shop Boys, mentre le strobo di una discoteca all'aperto tolgono il sonno con cascate di sinuosità a dosi crescenti di bpm in "Circuit Breaker", e il contrappunto cantato al femminile ci resta incollato addosso, irrimediabilmente (la voce di supporto appartiene a Kate Havnevik, che la presta anche in "Only This Moment").
Se "Someone Like Me" può richiamare le atmosfere familiari agli Air di "Talkie Walkie", riuscendo tuttavia a uscire dall'impasse declinando nel più raffinato dei funky, è la notte dondolante, onirica e stellata a lasciarci in eredità la chiusura di "Dead To The World" e di "Tristesse Globale", la degna uscita di scena per un sogno a occhi aperti.

"The Understanding" si posiziona un gradino sopra la media dei dischi usciti nell'anno e, invero con poca indulgenza, mezzo punto sotto l'eccellenza.
Con l'auspicio che il torto inflitto raccolga così le vostre rimostranze.

Nota: la versione De-Luxe ha un bonus cd contenente 5 tracce: Go Away, Clean Sweep, Boys, Head, Looser Now.

(01/07/2005)



  • Tracklist
  1. Triumphant
  2. Only This Moment
  3. 49 Percent
  4. Sombre Detune
  5. Follow My Ruin
  6. Beautiful Day Without You
  7. What Else Is There?
  8. Circuit Breaker
  9. Alpha Male
  10. Someone Like Me
  11. Dead To The World
  12. Tristesse Globale
Röyksopp & Robyn su OndaRock
Recensioni

RöYKSOPP & ROBYN

Do It Again

(2014 - Dog Tryumph)
Due nomi noti e un mini-album elettronico per risollevare le sorti della Scandinavia

RöYKSOPP

The Inevitable End

(2014 - Dog Triumph)
Quinta fatica in studio per i due norvegesi dopo il sodalizio con la svedese Robyn

RöYKSOPP

Senior

(2010 - Wall Of Sound)
Il "dark side" del duo norvegese nel sequel di "Junior"

RöYKSOPP

Junior

(2009 - Astralwerks)
Un suono ancor più europeo e radio friendly per l'atteso terzo album del duo norvegese ..

ROYKSOPP

Melody A.M.

(2001 - Astralwerks / Extra Label)

News
Röyksopp on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.