Cat Power

The Greatest

2006 (Matador) | folk-blues

Certe volte, con i titoli dei dischi, si corrono dei rischi.
Lasci un'artista che ci diceva di "essere liberi", quasi imponendocelo con la bellezza di un disco magico quale è tuttora "You Are Free" (2003), sospeso tra Tim Buckley, Nico e Patti Smith, e ritrovi una voce stranamente diversa.
Certo, gli artisti hanno tutto il diritto di mettersi in discussione. Allo stesso modo, però, gli appassionati possono sentirsi più o meno traditi. E' il bello di un rapporto sincero.
Non siamo delusi, tutto sommato. Ma ci aspettavamo di più. Quindi, lo siamo?

Il problema è che con un disco come "You Are Free" sullo sfondo, si finisce, anche involontariamente, per fare i conti.
Sembra che la nostra bella Cat abbia voluto rifilarci un divertissement. Si è inventata un'anima vagamente soul (così almeno ci dicono dalla regia), ha giochicchiato con archi, pianoforti scalcinati e chitarre from Memphis, non disdegnando certo quel suo delicato folk-blues per cui il mondo ha imparato ad amarla. Insomma, bene, brava, bis!

Circondata, tra gli altri, da musicisti del calibro di Teenie Hodges (chitarra), Leroy Hodges (basso, già alle prese con Al Green e Hi Rhythm Section) e dal batterista Steve Potts, la ragazza della Georgia apre le danze con la ballatona della title-track, pregna di delicata emotività e con la voce adagiata in un letto di archi, mentre tutto plana su dolci accordi pianistici.
Si lascia inebriare, poi, dal ciondolare di "Could We", con quei fiati gigioni che escono e rientrano come lame da un muro di gomma.
Alternandosi con fare disinibito, ballate e slanci vibranti vanno a costituire un equilibrio francamente precario. Si susseguono, quindi, "Lived In Bars" (mood moderatamente disperato in chiave soul-jazz), la vellutata elegia di "Islands" e le svagatezze in punta di piedi con tanto di piano honky-tonk di "After It All".

Tutto nella norma, tutto sotto controllo, senza esagerare.
Ce lo ripetiamo continuamente, tanto che neppure "The Moon", con i suoi toni dimessi, distillati con sapienza da piccoli accenti di organo e da un chitarrismo levigato ma deciso, ci convince.
Sarà colpa nostra? Ma come: qualcuno non ha forse già gridato al capolavoro sulla stampa estera?
Ma certo, il folk corretto col blues di "Living Proof" e quello più spiccatamente rock di "Love & Communication" non sono forse capolavori?
E che dire della ballata di "Empty Shell", dei sapori autunnali di "Willie" e dello scheletro valzer di "Hate"?
Sarà…

Eppure, continuiamo a credere che questo sia uno dei peggiori lavori della nostra bella cantautrice.
Il che non vuol dire che sia un disco brutto tout court… "Where Is My Love" ce lo conferma, con un colpo di classe finalmente supportato da un'ispirazione degna del passato.
Un piccolo vortice emotivo, come un abisso di solitudine ricoperto maldestramente dal drappo nero della malinconia. E' un gioiello da conservare con cura, questo.
Per il resto, io vado a riascoltarmi "You Are Free".

(17/12/2006)

  • Tracklist
  1. The Greatest
  2. Could We
  3. Lived In Bars
  4. Islands
  5. After It All
  6. The Moon
  7. Living Proof
  8. Empty Shell
  9. Willie
  10. Where Is My Love
  11. Hate
  12. Love & Communication
Cat Power su OndaRock
Recensioni

CAT POWER

Wanderer

(2018 - Domino)
Il ritorno al passato della donna-gatto, in un diario di viaggio scarno e selvaggio

CAT POWER

Sun

(2012 - Matador)
Look e suoni rinnovati per la "gatta" Chan Marshall

CAT POWER

Jukebox

(2008 - Matador)
Chan Marshall, blueswoman alla seconda prova con le cover

CAT POWER

Dark End Of The Street

(2008 - Matador)
Chan Marshall, "signora di gran classe" in sei nuove cover d'appendice a "Jukebox" ..

CAT POWER

You Are Free

(2003 - Matador)

CAT POWER

You Are Free

(2003 - Matador)
Il bacio della Donna Gatto. Il capolavoro di Chan Marshall, cantautrice di punta di un decennio ..

News
Live Report
Cat Power on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.