Pink Mountaintops

Axis Of Evol

2006 (Jagjaguwar) | psichedelia

Dietro il moniker Pink Mountaintops si nasconde Stephen McBeam, musicista canadese già protagonista nei Black Mountain (che magari avrete imparato a conoscere lo scorso anno grazie al buon esordio omonimo) e nei Jerk With A Bomb. McBeam è un musicista degli anni Novanta, interprete di un chitarrismo dall'evidente taglio stoner, che ignora (o quasi) l'avvento del Duemila e sogna di vivere nel passato. Se con i Black Mountain McBeam proponeva la sua versione dell'hard-rock, con profonde tinte psichedeliche, con i Pink Mountaintops (che in verità hanno già un disco alle spalle, anch'esso omonimo) la psichedelia si prende tutto lo scenario, spaziando, equamente divisa, fra fine anni Sessanta e fine anni Ottanta.

Dopo l'intro di "Comas", chitarra e voce in atmosfera bucolica sistemata fuori dal tempo, comincia il revival. "Cold Criminals" presenta il suo pesante chitarrone stoner levigato e messo a impalcatura, con contrappunto acustico psichedelico, la batteria ottusa e basica che sostiene tribale alla Maureen Tucker. L'aria è rilassata, infestata solo da qualche rumorino elettronico. E' un filo di canzone, neanche poi spiacevole, che cerca l'effetto-trance con la ripetitività. Sarà questa la cifra stilistica di tutto l'album, e sarà questo uno dei suoi limiti maggiori, dato che la trance probabilmente ha sbagliato strada e non arriva, e l'ascoltatore, ahilui, resta in attesa mani nelle mani. Costituisce piacevole eccezione lo scherzo ultra-pop di "New Drug Queens", chitarrismo affilato, teso e rumoroso, batteria elettronica, recita sguaiata accompagnata da coro femminile. Anche qui l'evoluzione del brano è un problema (perché non arriva), ma la brevità gli permette di non stancare, anche se non permette incisività.

"Slaves" è un lungo esercizio di tribalismo, chitarra fendente sui tamburi, struttura che si reitera in continuazione, accensione che non arriva. Diviene allora necessità impellente tuffarsi nelle acque catartiche e religiose di "Plastic Man, You're The Devil", chitarre e vibrazione shoegazer di fondo, sputtanatamente Spacemen 3, merito e limite maggiore, dato che vien voglia di chiudere, subito, qui, ora, metter su "The Perfect Prescription" e goderne a lungo. L'abnegazione e l'autolesionismo spinto ci impongono di continuare: per fortuna il gospel "moderno" (ovvero fine Ottanta) di "Lord, Let Us Shine" è numero piacevole, tra particelle elettroniche e chitarre roteanti, poi ancora venti shoegazer a portare l'unica variazione a tema del disco, con la canzone che s'impenna in un gran finale corale e accorato tra melodia e rumore.

Putroppo in chiusura torna la mediocrità, portata dalla dilatata melodia psych-folk di "How We Can Get Free", anch'essa permeata di spiritualità e sporcata giusto da un filo di synth e qualche cicalio elettronico. Si giunge così al momento della sentenza, che per McBeam stavolta è piuttosto impietosa. "Axis Of Evol" è il frutto di un musicista che ha studiato, e tanto, davvero tanto. Però è anche il risultato di un copia/incolla di modelli passati, tutto perfettino, senza anima, senza sudore, senza genio. Non è una critica contro l'operazione in sé (che altre volte gli era riuscita): il problema è che i brani, stavolta, sono davvero poveri. Non si tratta di un disco pessimo, ma, sinceramente, non vi sono ragioni per acquistarlo.

(19/03/2006)

  • Tracklist
  1. Comas
  2. Cold Criminals
  3. New Drug Queens
  4. Slaves
  5. Plastic Man, You're The Devil
  6. Lord, Let Us Shine
  7. How We Can Get Free
Pink Mountaintops su OndaRock
Recensioni

PINK MOUNTAINTOPS

Get Back

(2014 - Jagjaguwar)
Lontanissimo dai Black Mountain, Stephen McBean torna nei panni del dropout metropolitano

PINK MOUNTAINTOPS

Outside Love

(2009 - Jagjaguwar)
L'opus numero 3 del progetto di Stephen McBean, in una veste di ruspante operetta rock

Pink Mountaintops on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.