Jesu

Sun Down/ Sun Rise

2007 (Aurora Borealis) | industrial-ambient-drone

Molto spesso, quando le uscite discografiche di un’artista iniziano a proliferare senza controllo, l’ispirazione ne risente e le cose si fanno progressivamente meno interessanti. A due anni dal ritorno sulle scene col moniker Jesu, Justin K. Broadrick stenta, così, a riprendere le fila del discorso industrial-ambient-doom dell’omonimo esordio che, col senno di poi, resta ancora la migliore esposizione delle nuove idee.

Con “Sun Down/Sun Rise” (pubblicato come vinile 12”, poi ristampato in cd come bonus disc per l’edizione giapponese di “Conqueror”), sono ormai cinque (Ep compresi) i dischi a nome Jesu. Incrociando le dilatazioni di “Silver” con la tensione melodica di “Conqueror”, questo nuovo parto del musicista inglese vive di alterne fortune, cullandosi nella solita, grigia malinconia e vaneggiando un ambient-drone non dimentico dei trascorsi heavy del Nostro.

L’innesto di texture elettroniche conferisce all’operazione il valore di un esperimento, ponendosi, dunque, come un avamposto per nuove future (e, ci auguriamo, più interessanti) elucubrazioni shoegaze-metalliche, qui ancora sugli scudi nella prima, epica parte di “Sun Down”, risolta, successivamente, in un universo di evanescenze droniche e di pulviscoli glitchy. Un continuo rimescolarsi di prospettive, dunque, che dicono di un musicista indomito, incapace, magari, di dosare le forze e di risparmiare la creatività, ma sempre pronto a tentare, anche senza molta convinzione e senza le dovute precauzioni, nuove strade, nuovi percorsi sonori.

Da questo punto di vista, apprezzabile la scelta di ritornare continuamente sul luogo del delitto, un po’ meno quella di giocare di rimessa in molti momenti, lavorando col freno a mano tirato e dando, anzi, quasi la sensazione di essere intimamente convinto di non essere (più?) all’altezza della situazione. Ecco, allora, che la stanca e poco incisiva “Sun Rise”, aperta in stile Earth (quelli del recentissimo corso desert-psichedelico) e poi lasciata andare alla deriva in maniera speculare alla prima facciata, ci lascia indifferenti, convinti, ormai, che sia giunto per Justin il momento di prendersi davvero una pausa di riflessione.

(31/05/2007)

  • Tracklist
1. Sun Down
2. Sun Rise
Jesu su OndaRock
Recensioni

JESU

Terminus

(2020 - Avalanche Recordings)

Un ritorno che suona come un addio per il progetto del fondatore dei Godflesh

JESU

Ascension

(2011 - Caldo Verde)
Nuovo lavoro per la creatura di Justin Broadrick, ancora una volta in ritardo sui tempi

JESU

Christmas

(2010 - Avalanche)
Il Natale secondo Justin Broadrick: musica riflessiva ma autenticamente luminosa

JESU

Infinity

(2009 - Avalanche)
Un flusso di coscienza che ripercorre in volo radici e sviluppi di quel fuoco celestiale che è ..

JESU

Why Are We Not Perfect?

(2008 - Hydra Head)
Ennesimo Ep per il prolifico Justin K. Broadrick.

JESU

Conqueror

(2007 - Hydra head)
Justin Broadrick e soci virano verso un'ipotesi di doom marchiato shoegaze

JESU

Lifeline

(2007 - Hydra Head)
Mr. Broadrick in preda a un vortice di stakanovismo musicale

JESU

Silver Ep

(2006 - Neurot)

JESU

Jesu

(2005 - Hydra Head)



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.