My Brightest Diamond

Tear It Down

2007 (Asthmatic Kitty) | pop, remix

Dopo soli sei mesi torna a splendere il diamante più brillante di casa Asthmatic Kitty. La luce emessa dai suoi spigoli questa volta è di natura artificiale, infatti, la celebre corista della piccola orchestra Stevens ripiomba sul mercato con un album improvviso (e inatteso) di remix, alcune delle quali in versione doppia, dei pezzi inclusi in "Bring Me The Workhouse".
Riproporre in così poco tempo una versione alterata del proprio esordio è senza dubbio il segno inconfutabile di una viscerale irreprensibilità artistica. Nonostante non sia lei a modificare le dieci tracce del disco (ne manca solo una all’appello), va apprezzato fin da subito il coraggio di tale proposta. Non sappiamo con esattezza quante siano state finora le copie vendute del primo lavoro della Worden, ne possiamo dedurre che questo disco è il tentativo estremo di rinvigorire un insuccesso, possiamo solo affermare che l’esordio è stato discreto, uno dei tanti che ogni anno lasciano tante belle speranze per il futuro, un ibrido cantautorato ben gestito, melodie soul, folk, rock, armonizzate briosamente dalla lirica di stampo classico della piccola Shara.

Appena entrati nella dancefloor privata, notiamo una melanconica "Golden Star" stravolta da un tiepido beat hip-hop in crescendo; lo stravolgimento è opera del talento di casa Anticon, quel Brendon Whitney, aka Alias, membro visionario del circolo alternativo della new school . Pochi istanti ed ecco subentrare gradualmente la nuova andatura di "Workhouse" (Jeff Mclwain aka Lousine alla console): un remix che lascia il tempo che trova, mentre la prima versione di "Freak Out" strizza l’occhio alle digressioni rapaci di James Murphy con discutibile presunzione, sfiorando vertici irritanti nella coda pseudo-Dfa di chiusura.
L’irriconoscibile "Disappear" di Stakka, invece, è il primo centro dell’inaspettata rivisitazione: esotismo dark da ultimo imperatore e dispersione vocale da angelo ferito tratteggiano con delicatezza i bordi di un restauro esponenzialmente superiore all’originale.

Il messicano Murcof, dal canto suo, va decisamente oltre, realizzando un vero e proprio patchwork digitale di tutte le incongruenze passate, stratificate ora in un vortice di dissonanze magnetiche; in sostanza la nuova "Dragonfly" assume una forma tutta nuova, nonostante la stoffa sia rimasta sempre la stessa.
"We Were Sparkling" e "Something Of an End" sono rimodellate con la stessa tecnica, condite nella stessa salsa glitch, tra minimalismi elettronici di odierno abuso indie e stop and go timidamente accennati in lontananza. "Gone Away" viene letteralmente risucchiata da David Michael Stith, posta in un frullatore e fatta girare al rallentatore, fino a sembrare un vecchio carillon.

In definitiva, l’alternanza confusa di ottimi remix e pessime mescolanze caratterizza l’intero lavoro, conferendogli un sapore dal retrogusto agrodolce.
Forse "Tear It Down" è solo un piccolo preavviso della mutazione in atto dell’ex matricola Shara Worden, quasi a segnalare che il prossimo disco con materiale inedito verrà realizzato negli ambienti più disparati, in concomitanza con le variegate passioni della nostra giovane fanciulla, tra aule di conservatorio e piste da ballo.

(15/02/07)

(15/02/2007)

  • Tracklist

1.Golden Star (Alias)
2. Workhorse (Lusine)
3. Freak Out (Gold Chains Panique mix)
4. Disappear (Stakka)
5. Dragonfly (Murcof)
6. Magic Rabbit (Alfred Brown)
7. Freak Out (DJ Kenny Mitchell REWIND 93REMIX featuring nimnomadic)
8. We Were Sparkling (Haruki)
9. Something of an End (David Keith--NC47)
10. Gone Away (David Michael Stith)
11. The Good and The Bad Guy (SiameseSisters)
12. Gone Away (Strings of Consciousness)
13. Disappear (Wheat to Whiskey mix byCedar AV)

My Brightest Diamond su OndaRock
Recensioni

MY BRIGHTEST DIAMOND

A Million And One

(2018 - Rhyme And Reason)
Shara Worden ha cambiato pelle, l'art-pop della musicista statunitense si tinge di dance

MY BRIGHTEST DIAMOND

This Is My Hand

(2014 - Asthmatic Kitty Records)
Inebriata di ritmo e dream-pop cristallino, Shara Worden volge lo sguardo all'infanzia

MY BRIGHTEST DIAMOND

All Things Will Unwind

(2011 - Asthmatic Kitty)
Un coeso musical realizzato con un ricco supporto strumentale segna la maturità di Shara Worden ..

MY BRIGHTEST DIAMOND

A Thousand Shark's Teeth

(2008 - Asthmatic Kitty)

Il diamante torna a risplendere di luce propria: l'opera numero due di Shara Worden

MY BRIGHTEST DIAMOND

Bring Me The Workhorse

(2006 - Asthmatic Kitty / Wide)

News
My Brightest Diamond on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.