Flaming Lips

...Doing The Dark Side Of The Moon

2009 (Autoprodotto) | psychedelic rock

Inutile girarci intorno: "The Dark Side Of The Moon" resterà il lavoro più amato, criticato, osannato e scimmiottato dei Pink Floyd. Su di esso è stato praticamente scritto e detto tutto. Inutile, quindi, ribadire concetti letti e sintetizzati milioni di volte. Piuttosto, viene da chiedersi cosa sia passato per la testa di Wayne Coyne, del nipotino Dennis, leader degli Stardeath and White Dwarfs, di Henry Rollins e della canadese Merrill Beth Nisker, aka Peaches. Ma soprattutto, perché tutto a un tratto tutta questa bella gente abbia sentito l'esigenza di rimodellare un'opera deturpata fino all'inverosimile nel corso degli ultimi trent'anni. In tal senso, come dimenticare l'orribile trasfigurazione "Dub Side Of The Moon" del gruppo reggae Easy Star All-Stars, le triturazioni di "Money" nelle piste da ballo, e finanche le scopiazzature pseudo-omaggio del celebre triangolo-laser posto in copertina?

E così, nell'attuale marasma di sdoganamenti sonori d'ogni sorta, riproporre l'ennesima lettura di un disco come
"The Dark Side Of The Moon" potrebbe apparire quantomeno un azzardo, persino un inutile oltraggio. Di certo Wayne Coyne e soci non sono affatto nuovi a provocazioni e sterzate improvvise. In tal senso, non occorre girare indietro le lancette dell'orologio. Basti pensare all'ultima fatica della band di Oklahoma City, "Embryonic", per comprendere appieno lo stato di forma e constatare l'innata capacità del gruppo di reinventarsi a ogni singola uscita, spiazzando puntualmente critica e platea, e destando non poco clamore in chi ne aveva già ampiamente sancito (e ne aspetta ancora) la fine. Così come "Zaireeka" rimarrà una delle istigazioni produttive più affascinanti del secolo scorso, al di là delle singole composizioni (?) contenute nell'opera. Ne converrete, dunque, che forse al giorno d'oggi solo i Flaming Lips possono permettersi il lusso di riprendere un simile capolavoro, suscitando anche un'insolita curiosità e un vivo interesse nell'ascoltatore.

Cercare di addentrarsi in un album dei Lips, coverizzazioni incluse, è un po' come rincorrere il coniglio bianco. Non ci sono coordinate e un'assidua
lunaticità regna sovrana nelle continue metamorfosi del suono. Pertanto l'umore è costantemente ubriaco. Di conseguenza, le trasparenze e le policromie produttive dell'originale vengono ripetutamente messe a soqquadro dalla volontà sfacciata di rilanciare virtualmente il dado in territori strettamente barrettiani (!). Una provocazione che tende a disorientare la memoria, mostrata sia nell'incedere sgraziato e graffiante di "Speak To Me/Breathe", sia nei vocoder fracassati di una rude "The Great Gig In The Sky", svestita del suo mantello di velluto e abbassata di ph dalle accelerazioni electroclash di Peaches, sia nel gigioneggiare cosmico di "Time/Breathe (Reprise)". In netta contrapposizione, le luci basse di "Us And Them" e di "Brain Damage", cantate in coro da un trasognato Rollins, placano solo momentaneamente qualsiasi altra forma di velleità interpretativa, prima che il luminosissimo cazzeggio tritatutto (in tenuta rigorosamente lipsiana) di "Any Colour You Like" e della conclusiva "Eclipse", mostrino l'anima più svagata del sabba inscenato da Coyne.

Distribuito solo in formato digitale e suonato per l'intera notte di capodanno a Oklahoma City, "The Flaming Lips and Stardeath and White Dwarfs with Henry Rollins and Peaches Doing The Dark Side of the Moon" non è solo un banale divertissement, ma è anche una piccola e geniale analisi retro-futurista di uno dei dischi più significativi della storia del rock.

(14/01/2010)

  • Tracklist
  1. Speak To Me / Breathe (feat. Henry Rollins and Peaches)
  2. On The Run (feat. Henry Rollins)
  3. Time / Breathe Reprise
  4. The Great Gig In The Sky (feat. Peaches and Henry Rollins)
  5. Money (feat. Henry Rollins)
  6. Us And Them (feat. Henry Rollins)
  7. Any Colour You Like
  8. Brain Damage (feat. Henry Rollins)
  9. Eclipse (feat. Henry Rollins)
Flaming Lips su OndaRock
Recensioni

FLAMING LIPS

Scratching The Door: The First Recordings Of The Flaming Lips

(2018 - Rhino Records/Warner Bros.)
La ristampa delle prime registrazioni del gruppo

FLAMING LIPS

Oczy Mlody

(2017 - Bella Union)
Lo stato di spaesamento di Wayne Coyne e soci

FLAMING LIPS

7 Skies H3

(2014 - Warner Bros)
La psichedelia cupa della band nella versione condensata della folle “24 Hour Song Skull” ..

FLAMING LIPS

The Terror

(2013 - Bella Union)
Il flusso di coscienza del nuovo disco di inediti della masnada di Wayne Coyne

FLAMING LIPS

Flaming Lips And Heady Fwends

(2012 - Bella Union)
All'esordio con la Bella Union, la band americana pubblica un sunto delle sue ultime collaborazioni

FLAMING LIPS

Strobo Trip

(2011 - Warner Bros./ Lovely Sorts of Death)
La pazzia visionaria di Wayne Coyne in sei ore di deliri psichedelici

FLAMING LIPS

Embryonic

(2009 - Warner Bros.)
La nuova, delirante jam electro neo-psichedelica della band di Wayne Coyne in un doppio cd da 70 minuti ..

FLAMING LIPS

At War With The Mystics

(2006 - Warner Bros.)
Il parziale (e riuscito) ritorno al rock della band di Wayne Coyne

FLAMING LIPS

The Soft Bulletin

(1999 - Warner Bros)
Compie 20 anni il capolavoro pop di Wayne Coyne, carnevale fantasmagorico per salutare in grande ..

News
Live Report
Flaming Lips on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.