Sondre Lerche

Heartbeat Radio

2009 (Rounder) | alt-pop, songwriter

Con già cinque dischi alle spalle nonostante la giovane età (appena 28 anni), Sondre Lerche è uno di quei segreti che il sottobosco musicale alternativo continua a volere conservare per sé. Nonostante abbia ormai dimostrato a più riprese il suo valore di compositore pop pronto a diventare l'erede dei Belle And Sebastian nell'immaginario dell'indie-rocker medio, il cantautore norvegese sforna l'ennesimo buon disco, ricco di canzoncine canticchiabili e seducenti, ma anche stavolta non riesce a sfondare.

Le fascinazioni per l'indie-rock chitarristico, che sembravano emergere con maggior forza in "Two Way Monologue", tornano sullo sfondo (ma la chitarra torna prepotente in "Almighty Moon"), mentre la solarità leggiadra e ariosa di Sondre torna a farla da padrona. Gli archi e i fiati, usati con certosina parsimonia, riportano alle atmosfere di "Dear Catastrophe Waitress", mentre la voce fanciullesca del ragazzone di Bergen vibra amorevole e melodrammatica come e più che in passato, ricca di una maggiore consapevolezza di sé.

Il disco, come ogni buon album pop che si rispetti, ondeggia tra spensieratezza e malinconia, tra amore ferito e amore corrisposto. Orchestrazioni ampie, nessuna sbavatura, sprazzi di ariosità quasi bacharachiana (vedi "I Cannot Let You Go"), testi intensi e poetici scivolano però via senza lasciare troppo il segno. Il vertice del disco è sicuramente la docile ballata acustica "Pioneer", nella quale Lerche veste i panni di un moderno Nick Drake e scende negli inferi dell'amore sconfitto per uno struggente lamento che sprofonda in un turbinio liquido che pare provenire da oscuri anfratti sotterranei.

Troppo poco per poter andare oltre una striminzita sufficienza. Sondre non si è spinto oltre il compitino, il rischio che corre, dopo quasi dieci anni di carriera, è ora quello di rimanere intrappolato in un limbo di eterna promessa mai confermata ad altissimo livello. A lui il compito di smentirci.

(22/11/2010)

  • Tracklist
  1. Good Luck
  2. Heartbeat Radio
  3. I Cannot Let You Go
  4. Like Lazenby
  5. If Only
  6. Pioneer
  7. Easy To Persuade
  8. Words & Music
  9. I Guess It's Gonna Rain Today
  10. Almighty Moon
  11. Don't Look Now
  12. Goodnight
Sondre Lerche su OndaRock
Recensioni

SONDRE LERCHE

Sondre Lerche

(2011 - Mona)
La star del cantautorato nordico si impantana nell'eterna ripetizione del suo recente passato

SONDRE LERCHE

Phantom Punch

(2007 - Astralwerks)
Il norvegese questa volta si cimenta con i grandi maestri degli anni Novanta

SONDRE LERCHE

Two Way Monologue

(2004 - Astral Weeks)

News
Sondre Lerche on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.