SADO

Weather Underground

2010 (Banksville) | prog-rock, jazz-rock, conceptual art

La Società Anonima Decostruzionismi Organici (ormai abbreviata in S.A.D.O, se non SADO), l’avventurosa formazione fondata dal polistrumentista e produttore Paolo Baltaro e dal sassofonista Sandro Marinoni, dopo il live sperimentale di “Imprescindibile momento di cultura italiana”, registra uno dei suoi lavori più ambiziosi, “Weather Underground” (dal nome della anomala organizzazione terroristica statunitense dei primi anni 70).

L’intera opera è un colossale, fragoroso agglomerato di concertazioni labirintiche, una sorta di nuovo “Epica Etica Etnica Pathos”, un credibile modello all’italiana del Canterbury sound, e un nuovo rinvigorimento del rock-in-opposition, che si fregia tanto di trenodie prog-jazz come “Koningsplein A’dam 1017 BB” e “Chaos In Harward”, quanto di flussi coordinati alla Frank Zappa di annunci-comizi secondo la prassi dell’avanguardia vocale-elettronica, e pure di parodie drum’n’bass del Quartetto Cetra (“Wet Weather”, “Goodbye Megabyte”).
La band può così permettersi di spaziare liberamente attraverso caos free-form in stile Area spinti fino alla bestialità dei noise-rockers giapponesi e di John Zorn come “Scorrimeeentoh”, “Tremolino e Mordicchio vanno al bagno” e “Plexiglas Cubes”, girandole Disney-iane sotto crack (“Poo Poo’s Ugly Sister”, “Gimme Three Bombs And A Half”) in una sorta di wall of sound holliwoodiano dissonante, e caricature psichedeliche della “Take Five” di Dave Brubeck, secondo una sorta di “zapping” casuale che - in qualche modo - spinge avanti la sceneggiatura di questa musica allo stesso tempo programmatica e a-programmatica.

Infine, il suo corpus magno è quindi portato a un livello superiore di significazione attraverso ogni sorta di stacchetti, ginnastiche strumentali (riassunte al meglio in “Food à la Blue”), eventi acustici imprevedibili, soliloqui con effetti sonori e poesia dell’assurdo (“Pellicole Rombojdali”), anti-sonate da camera con voce recitante a mo’ di poesia visiva (“Un incontro in farmacia”), persino incursioni stralunate nella new age (“Mary Quant Regina di stoffa”) e tecniche di variazione cacofonica su temi popolari come la natalizia “Venite adoremus” (“Gimme Three Bombs And A Half”).

Uno dei dischi italiani più impegnativi dell’anno, registrato in un giorno (o meglio, 8 ore), in una session con materiale per cinque dischi, assemblato in quattro mesi (3 mesi e 29 giorni per il mix), improvvisato a partire da null’altro che dal titolo, composto (o meglio, selezionato) da montagne di takes per brano che sono state anche incrociate insieme per ottenere l’effetto migliore, prodotto da un immane lavoro di studio a partire da un unicum colossale (una sola song da spezzettare), a cui sono stati fatti afferire effetti in primis analogici. Una crociera linguistica - accompagnata da un secondo cd anglofono per agevolarne la commercializzazione all'estero - che nonostante le fattezze ha turbe, scosse d’umanità ma anche irrazionali sfavillii d’autentica fantasia. La voce recitante per il Cd italiano è di Guido Michelone, quella per il Cd estero è di Stevn Thomas (con traduzione a cura di Franz Krauspenhaar), sotto sotto una prosecuzione della loro avanguardia musico-filosofico-letteraria. Una simbiosi tra alte capacità strumentali, superbo sfruttamento dello studio di registrazione, e revisionismo apolide. Sottotitolo: “A story of love and war”.

 

(28/10/2010)

  • Tracklist
  1. Intro (The Star Spangled Banner)
  2. Wet Weather
  3. Koningsplein A’dam 1017 BB
  4. Scorrimeeentoh
  5. Food à la Blue
  6. Poo Poo’s Ugly Sister
  7. Spray Gun (theme)
  8. Tremolino e Mordicchio vanno al bagno
  9. Goodbye Megabyte
  10. Adeste Fidéles
  11. Gimme Three Bombs And A Half (theme)
  12. Cavalcioni Waltz
  13. Pellicole Rombojdali (live)
  14. Un incontro in farmacia
  15. Plexiglas Cubes
  16. The War Goes On (parts 1 & 2)
  17. Mary Quant Regina di stoffa (Fucking Potatoes)
  18. For Funny (theme)
  19. haos In Harward
  20. Green Tea At 5 a.m.
  21. Cuban’s Capitalist Blues
  22. Bad Cops Over Poppella (theme)
  23. Brano maturo serio e responsabile
  24. Violent Society
  25. Weathermen’s First Word (Drink To Them)
SADO su OndaRock
Recensioni

SADO

Imprescindibile Momento di Cultura Italiana

(2009 - Ams)
Gli esperimenti con il pop italico dell'affiatato ensemble

SADO on web