Vaselines

Sex With An X

2010 (Sub Pop) | alt-rock-pop

Eugene Kelly e Frances McKee evacuarono dall’universo musicale più di venti anni fa, allontanandosi dalla platea come due farfalle, dissolvendosi in un limbo fatto di silenzi e fugaci apparizioni. In realtà, quasi più nessuno sperava di rivederli uniti. Più volte ci siamo chiesti dove fossero finite e cosa stessero combinando le due meteore inspiegabilmente più sottovalutate dell‘indie-rock britannico, purtroppo senza mai riuscire a ottenere alcuna informazione.
Nonostante
avessero già mostrato segni di ricongiungimento circa quattro anni fa, preannunciando in cavalcata solitaria l’immediato ritorno - “Sunny Moon” fu il disco solista della focosa McKee, mentre il buon Eugene seguì l’esempio pochi mesi dopo dando vita all’ottimo “Man Alive” - il destino dei due scozzesi è sempre rimasto lì, inciso con forza e vigore nel marchio forgiato all’unisono due decadi addietro, diffuso al mondo dalla Sub Pop il primo maggio del 1992 con la raccolta “The Way Of The Vaselines”.

Di certo, la stragrande maggioranza delle persone avrà sentito nominare i due in merito alle ripetute e ammirevoli dichiarazioni d’amore viscerale palesate da sua santità Kurt Cobain. Più o meno tutti avranno ascoltato almeno una volta nella vita “Molly's Lips”, “Son Of A Gun”, o la versione unplugged di “Jesus Don't Want Me For A Sunbeam”. Inutile dire che l’indomabile leader dei Nirvana c’aveva preso, eccome.

Bene. Fatte le dovute precisazioni storiche, ciò che realmente conta adesso non è tanto chiedersi cosa avessero ancora da proporre due musicisti rimasti in sordina così a lungo, figli di un’altra epoca e progenitori di uno stile a sua volta abusato, morto e sepolto (?); bensì, è più che doveroso addentrarsi esclusivamente nelle bombette contenute in questo disco, tutte difficilmente schiodabili dal cervello una volta giunte ai due timpani. Perché i Vaselines sono tornati con la consapevolezza di chi ha tutte le carte in regola per stupire, al di là dei tempi, delle mode, delle tendenze e dei vari hype. Maturati nell’ombra di una vita vissuta distante anni luce da qualsiasi riflettore, con “Sex With An X” sono riusciti a “perfezionare” gli impulsi della giovinezza, conciliando la consueta spensieratezza sixties con l’amarezza generazionale mai debellata del tutto dalle loro coscienze. In questa seconda fase della loro carriera, i due scozzesi hanno dato retta all’istinto punk assecondando la ragione pop senza mai "toppare" una melodia, consolidando così anche la struttura armonica. Stevie Jackson e Bob Kildea (Belle & Sebastian), uniti a Michael McGaughrin (1990s) alla batteria, hanno poi contribuito a rafforzare l’ossatura del suono, reso meno opaco e più corposo/solido nelle dovute ripartizioni (vedi l’incipit di “Ruined”).
E così, è una piccola grande goduria trovarsi dinanzi alla spensieratezza della title-track, con la
McKee in eco trasognata a uno sbarazzino Kelly.

Nel disco abbondano andazzi rock talvolta più polverosi, da band sconsacrata di qualche contea del nord quali sono, come traspare sia nella gloriosa “Turning It On”, sia nell’andatura più sopita di “The Devil’s Inside Me”. Mentre "
Poison Pen” o una “It Wasn’t All Duran Duran” potrebbero diventare delle potenziali hit (?), essendo entrambe dotate di una melodia appiccicosa e mai invadente. Nell'ultima, i due piccionicini rivendicano (seppur goliardicamente) l’appartenenza generazionale a un circuito tutt’altro che mainstream, gigioneggiando mediante una mordace marcetta. Nel finale, “My God's Bigger Than Your God” sembra uscita da un disco degli X, prima che “Exit The Vaselines” ritratti a suo modo con le delusioni di un passato paradossalmente irriguardoso.
Bentornati, maestrini dell’indie-rock.

(23/09/2010)

  • Tracklist
  1. Ruined
  2. Sex With An X
  3. The Devil’s Inside Me
  4. Such A Fool
  5. Turning It On
  6. Overweight But Over You
  7. Poison Pen
  8. I Hate The ’80s
  9. Mouth To Mouth
  10. Whitechapel
  11. My God’s Bigger Than Your God
  12. Exit The Vaselines
Vaselines su OndaRock
Recensioni

VASELINES

V For Vaselines

(2014 - Rosary Music)
La seconda primavera di Frances e Eugene prosegue egregiamente

Vaselines on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.