Yuck

Yuck

2011 (Fat Possum) | lo-fi noise-pop

Dalle ceneri dei britpopper Cajun Dance Party, ecco gli Yuck, quintetto inglese dedito a un noise-pop virato lo-fi discretamente intrigante, che ha nell'iniziale "Get Away" - dalle parti dei Dinosaur Jr. ma con un pizzico di Pavement - il suo biglietto da visita. Niente di nuovo sotto il sole, in ogni caso da parte di Daniel Blumberg (voce, chitarra), Jonny (batteria), Mariko Doi (basso), Max Bloom (chitarra) e Ilana (voce).

Una ventata di aria fresca destinata a dileguarsi in fretta, con numeri mediamente trascinanti quali "The Wall" o "Georgia", malinconia college-rock ("Shook Down"), distorsioni effervescenti ("Holing Out") e un continuo orientarsi su prospettive d'oltreoceano, anche quando vengono a galla armonie folk ("Suicide Policeman") o le sonorità si sporcano di grunge psichedelico ("Suck", "Stutter"). Il finale, in ogni caso, tratteggia con "Rose Gives A Lilly" e "Rubber" trame, rispettivamente, più eteree e shoegazing.

Molto chiacchierato in giro, l'esordio degli Yuck è complessivamente un lavoro dignitoso, privo di brani veramente memorabili, pur se cesellato con una certa cura tale che la qualità media risulta essere priva di vere sbavature.
Per il momento, però, contano più le parole che la sostanza...

(16/02/2011)

  • Tracklist
1. Get Away
2. The Wall
3. Shook Down
4. Holing Out
5. Suicide Policeman
6. Georgia
7. Suck
8. Stutter
9. Operation
10. Sunday
11. Rose Gives A Lilly
12. Rubber
Yuck su OndaRock
Recensioni

YUCK

Stranger Things

(2016 - Mamé Records)
Il perfetto riconfezionamento del miglior alt-rock anni 90 nel terzo lavoro del quartetto inglese ..

YUCK

Glow And Behold

(2013 - Fat Possum)
Il disco di transizione della band inglese

News
Yuck on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.