John Talabot

in

2012 (Permanent Vacation) | techno

Dopo una mezza dozzina di dodici pollici pubblicati su Hivem Disc, Permanent Vacation e Young Turks, John Talabot (nella vita di tutti i giorni Oriol Riverola) pubblica finalmente il suo disco d'esordio, "ƒin". Eppure sono più di dieci anni che il dj e produttore spagnolo suona in locali e festival del suo paese - chi l'ha ascoltato racconta di nottate passate a ritmo di techno melodica e successi della Border Community. Nei due mix-album pubblicati nel corso del 2011, Talabot ha mostrato un eclettismo sconosciuto a molti dei suoi più blasonati colleghi, mixando insieme Matthew Herbert e Maria Minerva, le Warpaint e Omar S.

Con il suo disco di debutto, "ƒin", John Talabot ha deciso di dare una scossa al mondo della deep house. Una giungla tropicale di suoni e di umori avvolge i primi istanti di "Depak Ine", il meraviglioso brano che apre il disco. Un suono che ricorda la techno multicolore di Portable, e che per certi versi è ancora più astratto. Dance per viaggi immaginari: spesso e volentieri, nelle tracce del dj di Barcellona, il ritmo si ferma per lasciare spazio a divagazioni sintetiche e aromi esotici. Come nei viaggi psichedelici di Caribou, ma con una visione più legata al mondo dei dancefloor: "Destiny" è house venata di soul con una coralità pop degna di Peter Gabriel. "Journeys" aggiorna il modello, inseguendo i miraggi dell'ultimo Panda Bear.

Tra i dischi techno da non farsi sfuggire in questa prima metà del 2012.

(16/05/2012)

  • Tracklist
  1. Depak Ine
  2. Destiny (feat. Pional)
  3. El Oeste
  4. Oro Y Sangre
  5. Journeys (feat. Ekhi)
  6. Missing You
  7. Last Land
  8. Estiu
  9. When The Past Was Present
  10. H.O.R.S.E.
  11. So Will Be Now... (feat. Pional)
John Talabot on web