Bardo Pond

Peace On Venus

2013 (Fire) | avant-rock, psych-rock

Archiviato il pasticcio del disco omonimo del 2010, i Bardo Pond si concedono un piccolo ritorno alla più verace sperimentazione con “Fallen” (apparso in uno split con i Carlton Melton del 2011) e con le improvvisazioni di “Yntra” (2012), per la serie Latitudes. La band riacquista nuova intensità in “The Cawl” e in parte nel lento hard-rock Black Sabbath-iano di “Side To Side” e nella lenta e acida, e occasionalmente eterea “A Crossing” (che però dimostra le stesse limitazioni del revival dei Motorpsycho).

Nel nuovo album vero e proprio “Peace On Venus”, la band prova a reinventarsi una carriera tributando il Neil Young più elettrico. “Kali Yuga Blues” si prodiga a scimmiottare la “Cortez The Killer” con grande impegno, ma voce e flauto suonano piuttosto irrilevanti. Il Neil Young autecelebrativo di “Psychedelic Pill” sembra aleggiare su “Chance”, una divagazione distorta di 10 minuti in cui le cose più indovinate sono forse l’intro acustica e pastorale, il refrain di chitarra atmosferica e l’assenza di canto (ma sembra di ascoltare una versione infragilita dei Rodan).

In “Taste” invece tanto il canto, riverberato e psichedelico da aggiungere qualità liturgiche, quanto il flauto, a rendere una cacofonia fiabesca come nel periodo Suzanne Thorpe dei Mercury Rev, riescono a far parte integrante del suono. Con i suoi soli quattro minuti ruba la scena alle altre pièce più lunghe (non solo di quest’album ma anche agli altri colossi degli album dell’ultimo periodo). I “vecchi” Bardo Pond recuperano brevemente e timidamente fuzz ed effetti psichedelici di chitarra per “Fir”, in una lentezza che fa da goffa autoparodia.

Tutto o quasi sulle spalle dei fratelli Gibbons e della loro cocciutaggine. Tipico caso in cui un buon modus operandi - jam arroventate, imitazioni diligenti, suono chirurgico - non basta a cavare una sintonia di umore né prestazioni memorabili. Il loro albo più breve di sempre.

(25/01/2014)

  • Tracklist
  1. Kali Yuga Blues
  2. Taste
  3. Fir
  4. Chance
  5. Before The Moon
Bardo Pond su OndaRock
Recensioni

BARDO POND

Volume 8

(2018 - Fire)
Un ritorno alle origini in chiave jam-rock per la band dei fratelli Gibbons

BARDO POND

Under The Pines

(2017 - Fire)
Ennesimo tentativo per la tenace band dei fratelli Gibbons

BARDO POND

Bardo Pond

(2010 - Fire)
Il ritorno in studio della mitica band doom-drone

BARDO POND

Peri

(2009 - Three Lobed Recordings)
I Bardo Pond di nuovo sullo scaffale, con ripescaggi dal periodo Matador

BARDO POND

Bufo Alvarius, Amen 29:15

(1995 - Drunken Fish)
L'opera che segna a fuoco gli anni 90 come un nuovo decennio di scorribande cosmiche

News
Bardo Pond on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.