Suz

One Is A Crowd

2013 (No Mad) | songwriter, trip-hop

Susanna “Suz” La Polla debutta con “Shape Of Fear And Bravery” (2010), un albo che - senza indugiare in virtuosismi (alla Meg, o proprio alla Bjork), tipici del cantautorato elettronico femminile, e anzi rimanendo anzi vocalmente dimessa e quasi in disparte - si protende a far rimbombare i suoi ammassi di effetti dub cangianti e il suo impeto ritmico. Tra tutte le canzoni, la fischiettabile “Little by Little” sembra quasi preludere a una nuova carriera.

In “One Is A Crowd” il suo talento non si evolve ma comunque si perfeziona anzitutto a livello di produzione, e in seconda battuta anche in scrittura e tecnica. Come volevasi dimostrare, la “Little by Little” del disco predecessore ha fatto astutamente scuola un po’ ovunque, ma soprattutto nella varie “Distant Skies”, un hip-hop umorale, “Bring Us Down”, con suggestioni di organetto e battimani flamenco, “Rubber and Glue”, dall’umore grave e dai sovratoni da camera di xilofono, piano e archi, e “Out of the Blue”, reggae-dub reminiscente della “Protection” dei Massive Attack.

La tecnologia stereofonica dà linfa alla sorta di remix di Shivaree di “To Here and Now” (con trucchi di produzione seducenti, dagli archi di fondo all’eco sulla voce), a “Frailest China” e nella meno elegante, “A Thousand Deaths”, affogata nella techno luccicante delle tastiere. Ancor più sofisticato è l’attacco di “Let One be a Crowd”, quasi un plagio dell’attacco di “Eye in the Sky” di Alan Parson.

Scritto e arrangiato da Suz stessa con la produzione di Ezra NoMade ("Distant Skies" a cura di Kutmasta Jurt), è un album senza picchi ma dai poliedrici spunti che accarezzano sfumature e declinazioni di uno stesso senso, forse un po’ appannato, di fuggevole poesia. In “Rubber and Glue” compare l’attrice e cantante Angela Baraldi, già con Gabriele Salvatores e Massimo Zamboni.

(15/03/2013)

  • Tracklist
  1. Distant Skies (Don’t Say a Word)
  2. To Here and Now
  3. A Thousand Deaths
  4. Bring Us Down
  5. Out of the Blue Remixed
  6. Rubber and Glue
  7. Frailest China
  8. The Enemies Within
  9. Let One be a Crowd
  10. Nighthawk
Suz su OndaRock
Recensioni

SUZ

Lacework

(2015 - Irma)
Il terzo album della bolognese cantautrice electro

SUZ

Shape Of Fear And Bravery

(2009 - No.Mad Records)
Susanna La Polla, alias Suz: una cantante bolognese sulle orme del trip-hop di Bristol

Suz on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.