Fugazi

First Demo

2014 (Dischord) | post-hardcore

I Fugazi sono un pezzo di storia contemporanea, una cometa che ha illuminato il cielo del pianeta post-hardcore, un combo formato da musicisti in grado di plasmare l’immaginario sonoro di migliaia di band successive, mostrando al mondo una via per molti versi tuttora intatta e insuperata.
Per la gioia di tutti i maniaci completisti, la band di Washington D.C. finalmente ripubblica alcune registrazioni che vennero fissate a gennaio del 1988 e distribuite soltanto su cassetta durante gli infuocati live set di quegli anni.

All’epoca i Fugazi non avevano ancora inciso nulla e avevano alle spalle appena una decina di concerti. Ian MacKaye usciva dall’esperienza- uragano Minor Threat e già dal 1980 gestiva la label Dischord (che licenzia anche questo disco), il bassista Joe Lally e il batterista Brendan Canty (ex-Rites Of Spring e successivamente affermato film-maker) erano al suo fianco, e di lì a poco sarà della partita anche Guy Picciotto.
Le registrazioni di questi demo avvennero presso gli Inner Ear Studios, con in cabina di regia Don Zientara, che diventerà collaboratore di lungo corso del gruppo.

Le undici tracce incluse in “First Demo” sono versioni ancora non rifinitissime (ma tutt’altro che embrionali) di brani che saranno inclusi nelle prime pubblicazioni ufficiali dei Fugazi: gli Ep “Fugazi” (1988) e “Margin Walker” (1989), questi due poi riuniti nell’album “13 Songs” (1989), e il primo vero full-lengthRepeater” (1990).
Le uniche incisioni che rimarranno più o meno nascoste saranno “Furniture” (edita nell’omonimo Ep soltanto nel 2001), “The Word”, “In Defense Of Human” (entrambe presenti in successive compilation targate Dischord) e l’assolutamente inedita “Turn Off Your Guns”.

Per il resto questa selezione ci permette di scoprire il percorso formativo di pezzi quali “Waiting Room”, “Bad Mouth” (che finirono di lì a poco nel primo Ep) e “Merchandise” (poi inserita in “Repeater”), veri e propri inni dei primi Fugazi.
Il trittico formato da “Song#1”, “Joe#1” e “Break-In” (l’unico pezzo qui firmato da Picciotto) arricchirà invece la riedizione di “Repeater”.

L’attitudine della band è già chiarissima, il Fugazi-sound è iper-definito, la rabbia incendiaria sprizza da ogni singolo solco, le visioni hardcore diventano post-, miscelate con influenze dub, rap e con qualche riff assassino, a comporre un crossover originale e devastante.
Furono i primi catartici proclami che segnalarono al mondo un gruppo che farà dell’integrità il proprio status-symbol per gli anni a venire, sino a quel “The Argument” che nel 2001 sancirà la fine della storia. Storia che ora vede nella pubblicazione di questi “First Demo” un imperdibile prequel per appassionati e non.

(08/01/2015)

  • Tracklist
  1. Waiting Room
  2. Merchandise
  3. Furniture
  4. Song # 1
  5. The Word
  6. Bad Mouth
  7. Break-In
  8. Turn Off Your Guns
  9. And The Same
  10. In Defense Of Human
  11. Joe # 1
Fugazi on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.