Lisa Stansfield

Seven

2014 (Monkeynatra) | blue-eyed soul, disco-funk

Capelli cortissimi, ricciolo posticcio incollato alla fronte, e look lesbo-chic; così veniva catturata Lisa Stansfield nell'89, nell'indimenticabile video di "All Around The World". E poi c'era la voce, grondante classe come ogni autentica soul-singer che si rispetti, ma allo stesso tempo dinamica per reggersi in piedi sulle più impietose basi dance del momento. Erano gli anni dell'acid-house e del madchester in Inghilterra, e dell'r'n'b iniettato di new jack swing in Usa, eppure Lisa da Rochdale (una località nella disadattata ex-zona industriale intorno a Manchester) riuscì a conquistare il mondo, vendendo oltre 5 milioni di copie col suo stiloso album di debutto "Affection".
Più orientata verso la scena club che non al mainstream, la sua carriera si è successivamente adagiata su numeri ben più esigui. Ci ha guadagnato in longevità, un seguito di fedelissimi, e il rispetto di critica e colleghi, al punto da essere la benvoluta anche nell'esclusivo mondo del jazz, come testimoniò la sua settimana di permanenza al Ronnie Scott's di Londra nel 2003.
 
Oggi Lisa Stansfield è una bella 47enne in ottima forma e spirito. Si veste con un gusto retrò da signora anni 30, ma non rinnega le radici nella working class; la sua parlantina non ha perso un briciolo della spassosa cadenza del nord-est. L'amore del pubblico è pressoché immutato, e quasi lo stesso si può dire del suo stile.
Il nucleo alla base di "Seven", infatti, è lo stesso che l'accompagna sin dall'esordio, con Ian Devaney in veste di co-autore e produttore (nonché marito della stessa Lisa). Gli arrangiamenti sono a cura di Jerry Hay, mentre la sezione ritmica è saldamente in mano al celebre John Robinson (entrambi già presenti alle sessioni di "Off The Wall" e "Thriller" di Michael Jackson). Ecco quindi morire subito la speranza di un colpo di scena nella carriera di Lisa, e giustamente scatta pure l'allarme, considerata la ripetitività che i suoi album avevano assunto da oltre un decennio a questa parte.
 
Tuttavia, a questo giro, la carta vincente di "Seven" sta proprio nella sua disarmante semplicità. Il disco è stato scritto, interpretato, arrangiato e prodotto con una professionalità che guarda senza vergogna a un passato revivalista. Ma stavolta, la decisione di non concedere il mimino spazio alle sonorità elettroniche del momento, toglie di mezzo quella patina che aveva reso soporiferi dischi come "So Natural" o "The Moment". 
Una volta partito l'ascolto, non ci si può lamentare della scelta. I "nuovi" arrangiamenti sono sublimi, e cesellano le melodie con classe d'altri tempi. Stuoli di ottoni, chitarre in salsa funky, super-impalcature d'archi e una sezione ritmica in gran forma, fanno sì che la Diva non si "appoggi" mai troppo su quella sensualità che, in passato, l'aveva resa a tratti stucchevole. In questo clima di totale classicismo analogico, Lisa mostra al meglio la sua arma vincente: una voce limpida, calda, sensuale, e ancora capace di far invidia a ogni collega (e pensare che, da quando aveva 15 anni fino a poco tempo fa, la stronza si fumava pure 40 sigarette al giorno!).
Sentitela, invece, sul passo jazzato di "Why" che ricorda i Simply Red di "Sad Old Red", oppure quando va in ascesa in "Conversation" sorretta da una sezione d'archi che sembra un film di James Bond. A donare dinamismo, ecco due singoli quali "Can't Dance" e "Carry On" a scaraventarci sul parquet tirato a lucido a ballare disco e northen soul. Ma è su un pezzo come "Stupid Heart" che si consuma tutta la sua arte: cercate pure una nuova leva del blue-eyed soul capace di cantare un pezzo a questo modo. Non la troverete.
 
"Seven" non rinnova niente, ma è talmente godibile che francamente non importa nemmeno. Fate conto che, per trovare un altro suo disco così ben fatto, bisogna risalire fino a "Real Love" nel 1991. Inoltre, con sole dieci tracce in lista, il nuovo album ha pure il grosso vantaggio di non tirarla troppo per le lunghe.
La regola rimane invariata: a chi non è mai piaciuto lo stile, non troverà certo pane per i suoi denti in "Seven". Ma anche chi sperava in una sua possibile svolta stilistica dovrà guardare altrove. Lo scopo, comunque, non era quello. Da che mondo è mondo, non si ascolta la Stansfield per spirito di scoperta, o ricerca di modernità. Provate però a tornare a casa una piovosa sera d'inverno, dopo una giornataccia di quelle da dimenticare. La casa è vuota, la doccia attende fumante, la cena è a scaldare in forno; sul piatto scivola "Seven" e parte Lei, a calmarvi i nervi con i suoi aaahhh e i suoi uuuhhh. Ma cosa volete di più?

(10/02/2014)



  • Tracklist
  1. Can't Dance
  2. Why
  3. So Be It
  4. Stupid Heart
  5. The Crown
  6. Picket Fence
  7. The Rain
  8. Conversation
  9. Carry On
  10. Love Can


Lisa Stansfield su OndaRock
Recensioni

LISA STANSFIELD

Deeper

(2018 - earONE)
La Gran Dama del soul nuovamente in pista con una semplice ma ficcante raccolta di jam disco-boogie

Lisa Stansfield on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.