Magic Touch

Palermo House Gang

2014 (100% Silk) | house

La gang è arrivata in città, e non ha alcuna intenzione di lasciarla così presto. Anzi, sarebbe perfino disposta a far danni, se qualcuno osasse anche soltanto tentare di scacciarla. Una minaccia? No, un semplice avvertimento. In fondo, che bisogno c'è di passare alle maniere forti? Non sarà mica che si ha paura di un po' di sano divertimento? Perché alla fine della fiera la missione del caro Damon Palermo è proprio questa, spezzare il grigiume circostante con una ventata di sana allegria; chi ha poi da ridire su questo aspetto, peggio per lui.
Poco importa in fondo, che il Nostro si sieda dietro alle pelli dei Mi Ami, il combo più schizoide di San Francisco, e che abbia sposato in seguito una causa così diversa dai piani originari; anzi, a ben vedere, considerate le derive tribali del più recente “Decade”, frutto dell'interesse crescente per l'elettronica da parte di Daniel Martin-McCormick in arte Ital, e della sue doti di batterista, la propensione a un varo solista nel campo della musica da ballo appariva come una scelta logica, di certo più logica rispetto a quella analoga presa dal compagno di brigata. Accasatosi quindi anche lui presso le fastose insegne della 100% Silk, sempre più etichetta di riferimento nell'ambito della house a stelle e strisce, Palermo tira fuori tutta la sua grinta da producer e aggiorna la propria attitudine al ritmo e al movimento, caratterizzandosi per un taglio eclettico e sfrontato di house-music, quale forse mancava da tempo nel catalogo della label. Un'aggiunta al roster che potrebbe rivelarsi provvida.

Ben più che per l'originalità, elemento forse nemmeno ricercato da Mr. “Tocco Magico”, a persuadere della buona riuscita di questo “Palermo House Gang” è la conoscenza approfondita della materia, un'applicazione ai parametri della house che trasuda sincera devozione, rispetto incondizionato alla storia dell'ambiente, vissuto con assoluto trasporto e partecipazione. Pace se poi ci si lascia prendere la mano, se a volte l'entusiasmo compromette brani che avrebbero goduto di una maggiore stringatezza; quel che si avverte è semplicemente una gran voglia di mettersi in gioco, di sposare la causa senza grossi filtri, con unico obiettivo il coinvolgimento dell'ascoltatore. Coinvolgimento che arriva, puntualissimo.
Basterebbe soltanto il tripudio garage di “You”, uno dei due pezzi realizzati con un Octo Octa in ascesa nelle quotazioni (e a ragion veduta), per far muovere perlomeno il ditino anche al più scettico degli ascoltatori, in un saggio di classe che potrebbe quasi incutere timore ai Disclosure; di suo, però, Palermo indaga volta volta aspetti diversi del sentire house, ne osserva l'evoluzione e le diverse diramazioni cambiando sempre punto di osservazione, non limitandosi a una prospettiva unitaria. Nascono così lussureggianti motivi piano-driven testimoni dell'infinita eredità di Romanthony, rivisitata in chiave simil-balearic (“It's Love”, forte anche di un ottimo remix tutto basato su irriverenti sincopi ritmiche), lunghissime scappatoie dal tocco quasi jazz, sull'elegante vena già individuata nell'ultimo ammaliante Christian Prommer (“House Of Intuition”, qui la mano setosa del compagno di brigata Mike Morrison si fa ben più presente, specialmente nel morbido trattamento dei micro-pattern melodici), vispi collegamenti alla club-music dello scorso decennio, scevri però di gran parte della spigolosità electro dei modelli di partenza (“Calabria”: sì, il riferimento all'instant-classic di Alex Gaudino non è tanto campato in aria).

E se poi si palesa qualche stentato tentativo in rotta deep (giusto qualche vaghissimo sentore, sparso tra le fragranze soul di “Passion” e le brezze estive di “Shine Baby Shine”) interessa soltanto relativamente: fa parte del gioco in fin dei conti, di un graduale avanzare alla volta di un affinamento che per errori e correzioni porterà Palermo - si spera - a tracciare la sua personale cronistoria house. Al momento, il Nostro onora assieme alla sua nutrita gang l'ospitalità di casa 100% Silk con un esordio tutt'altro che disprezzabile.

(28/05/2014)

  • Tracklist
  1. I Need The Magic (ft. The Sorcerer & Sarah Bates)
  2. You (ft. Newbody & Octo Octa)
  3. Passion
  4. Shine Baby Shine
  5. It's Love
  6. House Of Intuition (ft. Octo Octa)
  7. It's Love (Ash Williams Party Mix)
  8. Calabria (ft. Benny Badge)
Magic Touch on web