Black Rebel Motorcycle Club

Live In Paris

2015 (Abstract Dragon) | garage-rock

Quando nel 2001 mettemmo nel lettore il fulminante esordio dei Black Rebel Motorcycle Club, la sensazione fu quella di trovarsi al cospetto di musicisti in grado di ricreare il vero spirito di una garage band. Ascoltare quelle tracce nell’impianto di casa dava proprio la sensazione di stare in cantina accanto a loro mentre suonavano: un sound vivo che li portò ad affermarsi fra quel ristretto numero di formazioni (Strokes, White Stripes e poche altre) che all’alba del nuovo millennio stavano facendo tendenza.

Il tempo ha confermato le grosse aspettative riposte nel trio, che magari ha perso smalto col passare degli anni, ma ha sempre continuato a licenziare lavori di buonissima fattura.
Oggi l’ennesimo disco dal vivo non ha molto da aggiungere a una discografia ricca e già contrassegnata da diverse proposte live, anche se questa volta il documento ha caratteristiche diverse dai precedenti: a essere fermata per sempre è la serata tenuta il 24 febbraio del 2014 al teatro Trianon di Parigi.

La tracklist alterna brani spediti a momenti di grandissima intensità, ispirati dalla particolare atmosfera del teatro. Tanto le avvolgenti “Returning“ e “Lullaby” quanto le brumose “Some Kind Of Ghosts”, “Sometimes The Light” e “Screaming Gun”, tanto la rotonda “Lose Yourself” quanto le acustiche “Mercy” e “Shuffle Your Feet” si ritrovano a dare il mood a gran parte del disco, sapientemente intervallate agli afflati garage di “Hate The Taste” e “Rival”, alle selvagge “Teenage Disease” e “Conscience Killer”, e alle sane schitarrate di “Sell It” e “Berlin”.

Dopo aver dato spolvero ad alcuni brani meno scontati, nella parte finale della scaletta prendono posizione molti dei classici più celebrati della band, tracce immancabili in grado di scatenare l’apoteosi, quali “Rifles” (niente lacrimuccia però, mi raccomando), “Stop”, “White Palms”, “Spread Your Love” e “Whatever Happened To My Rock’n’Roll”, che chiude lo show sotto scroscianti applausi.
“Live In Paris” si ritrova così ad assurgere al ruolo di documento celebrativo di una band che ha scritto una quantità impressionante di belle canzoni in circa quindici anni di carriera.

Nella ricca confezione, oltre al doppio album, è presente anche un Dvd con le immagini del concerto e il documentario “33,3 %”, diretto da Yana Armur, che scava nel dietro le quinte ritraendo il trio in maniera intima. 

(24/06/2015)

  • Tracklist
  1. Fire Walker
  2. Let The Day Begin
  3. Returning
  4. Lullaby
  5. Hate The Taste
  6. Rival
  7. Teenage Disease
  8. Some Kind Of Ghost
  9. Sometimes The Light
  10. Funny Games
  11. Sell It
  12. Lose Yourself
  13. Beat The Devil’s Tattoo
  14. Ain’t No Easy Way
  15. Berlin
  16. Conscience Killer
  17. Screaming Gun
  18. Rifles
  19. Stop
  20. White Palms
  21. Spread Your Love
  22. Mercy
  23. Shuffle Your Feet
  24. Whatever Happened To My Rock ‘N’ Roll (Punk Song)
Black Rebel Motorcycle Club su OndaRock
Recensioni

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB

Wrong Creatures

(2018 - Pias)
Un deciso ritorno verso gli epici fasti degli esordi per il garage-rock del trio californiano

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB

Specter At The Feast

(2013 - Abstract Dragon)
Peter Heyes e il fido Robert Been tentano il miracoloso rilancio della propria creatura

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB

Beat The Devil's Tattoo

(2010 - Abstract Dragon / Cooperative)
La band californiana ripropone il proprio marchio di fabbrica senza scossoni

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB

Baby 81

(2007 - Island)
Chiusa la parentesi roots, Hayes & C. tornano a macinare rock

BLACK REBEL MOTORCYCLE CLUB

B.R.M.C.

(2001 - Virgin)
Il fulminante esordio del trio americano, denso di atmosfere garage-rock e post-wave

News
Black Rebel Motorcycle Club on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.