Death And Vanilla

To Where The Wild Things Are...

2015 (Fire Records) | baroque, cinematic, longue, pop

Per una band già oggetto di culto grazie a una serie di pubblicazioni in vinile e cassetta, la consacrazione discografica è sempre una notizia gradita, se poi aggiungete anche l’elemento geografico del duo, tutto assume i contorni di una vittoria sul campo.
Stiamo parlando di Marleen Nilsson e  Anders Hansson, ovvero i Death And Vanilla, autori di un esordio che nelle aste di ebay viene scambiato per cifre a tre numeri, oltreché intelligenti narratori sonori del film horror “Vampyr” con un’improvvisata performance al Fantastisk Film Festival del 2012.

Mentre la riedizione in vinile del loro secondo album e le limited edition dei loro Ep trovano casa in diverse etichette indie-pop, i Death And Vanilla mettono in piedi quello che per molti suona come il loro vero esordio, ovvero “To Where The Wild Things Are...” rilasciato su Fire Records in due versioni viniliche di colore arancione o blu (già sold-out) e in cd con tanto di Ep limitato offerto solo ai primi 500 acquirenti. 

Per chi ha già apprezzato le gesta dei loro conterranei e amici Testbild (entrambi i gruppi hanno pubblicato per Kalligrammophon) non sarà difficile inquadrare le direttive sonore del gruppo, per gli altri valga la sintetica (ma non troppo) definizione di baroque- psychedelic-cinematic-dark-longuejazzy-muzak-exotica- dream-pop.
Per tutti coloro che sono in attesa di sapere quanto abbia giovato al duo svedese la sfida del progetto in gran stile di “To Where The Wild Things Are…”, sveliamo subito il finale: la prova del fuoco è superata con grande destrezza e inventiva.

I Death And Vanilla proseguono nella loro library music contaminata da una psichedelia in salsa kraut, che si divide tra richiami ai Silver Apples e ai Tangerine Dream, ma diversamente dai Broadcast e dai più affini Stereolab, i due svedesi puntano l’attenzione alla composizione pop alla Left Banke o alla psichedelia noir dei Mazzy Star e degli United States Of America, trasformando un prevedibile remake stilistico in un avventuroso percorso sonoro.
Fluttuante e mai eccessivamente ruffiano “To Where The Wild Things Are…” è pop-music priva delle défaillance del mainstream, è sperimentale e ambizioso ma si tiene ben lontano dalla spocchia di molti avant-indie-popper.

Il mantra iniziale di “Necessary Distorsion” non lascia spazio a equivoci: i Death And Vanilla conoscono a menadito le migliori intuizioni dei loro predecessori e ne ripetono la forza ipnotica e futurista con contrasti timbrici pulsanti e ricchi di groove, una festa dell’era cosmic-kraut che non conosce il termine nostalgia. Suona sexy e maliziosa “California Owls”: un pop quasi nouvelle vague che mette insieme twee pop, folk ed elettronica anni 80 con lo stesso spettro sonoro della Sarah Records, mentre “Moogskogen” tratta i Tangerine Dream alla stessa maniera degli Air con i Pink Floyd con preziose sfumature timbriche, e sono Steve Reich e Philip Glass gli oggetti della loro rilettura del minimalismo applicato alle immagini che trionfa in “Shadow And Shape” tra tempi di valzer e citazioni delle colonne sonore dei film di Dario Argento era-Goblin.
Anche le pagine più semplici come “The Optic Nerve” sono attraversate da una delicata malinconia noir, che in “Arcana” sfiora David Lynch e Julee Cruise e alza il tono emotivo dell’album, mentre “Time Travel” scivola verso la surf-music targata Beach Boys senza eccedere in calligrafia.

“To Where The Wild Things Are…” è l’album più accessibile e grazioso del duo svedese, pronto a sacrificare un po’ della magia in favore di un’attitudine pop che a tratti tiene a freno l’originalità degli esordi, ma quando esplode  lascia dietro di sé almeno un paio di gemme.
Accade in “Follow The Light”, una sensuale e ondeggiante ballad che non avrebbe sfigurato in una colonna sonora di un film erotico o soft-porno di Jesse Franco; ancor più magica e suggestiva “The Hidden Reverse” entra nel mondo prog-rock con una grazia aliena alla library-music europea, ed è forse proprio l’approccio un po’ gelido e svedese l’elemento che rende l’album poco accattivante e originale a un primo sommario ascolto, ma è la pazienza la virtù non solo dei forti ma anche dei buongustai.

L’Ep regalato ai primi 500 acquirenti dell’album non è il solito contentino per i fan, tra elettronica vintage (“Erté”), romanticherie soft (“From Above”), gothic-folk (“Reality From Dream”) e perfette colonne sonore per un thriller-horror (“Lux”) le quattro tracce ripercorrono con più convinzione le atmosfere del loro esordio.
I Death And Vanilla con “To Where The Wild Things Are…” ci regalano dieci ninna nanne per adulti, un sottofondo leggermente a luci rosse per incontri amorosi con fate e fantasmi, un campionario di piaceri virtuali dal quale non è necessario svegliarsi alle prime luci dell’alba.

(17/05/2015)



  • Tracklist
  1. Necessary Distortions
  2. The Optic Nerve
  3. Arcana
  4. California Owls
  5. Time Travel
  6. Follow the Light
  7. Shadow and Shape
  8. The Hidden Reverse
  9. Moogskogen
  10. Something Unknown You Need to Know
  11. Erté (Ep only)
  12. Reality From Dream (Ep only)
  13. From Above (Ep only)
  14. Lux (Ep only)


Death And Vanilla su OndaRock
Recensioni

DEATH AND VANILLA

Are You A Dreamer?

(2019 - Fire)
Malmö non è solo la città più felice in cui vivere, ma anche quella dove ..

DEATH AND VANILLA

The Tenant

(2018 - Fire Records)
Si muove dall’horror all’espressionismo il viaggio cinematografico del gruppo svedese

DEATH AND VANILLA

Vampyr

(2013 - Moon Glyph)
La sonorizzazione del "Vampyr" di Carl Theodor Dreyer

News
Death And Vanilla on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.