Kesang Marstrand

For My Love

2015 (Self-released) | folk, songwriter

Se vi chiedessero cosa è successo il 18 dicembre 2015, una delle poche risposte possibili potrebbe essere: “è uscito al cinema il settimo episodio di Star Wars”. Sarebbe bello poter ricordare, tra qualche anno: è uscito il quarto disco di Kesang Marstrand.
Per ora rimane solo la piccola vibrazione, impercettibile anche per chi di musica ci vive (ma per cui sembra esista solo materiale con un bollino di qualche tipo), di un disco la cui sacralità, il cui spirito immortale non teme paragoni coi grandi del passato, con la purezza emotiva di un “Blue”, di un “Parallelograms”.

Un’increspatura che ci porta direttamente nella fotografia viandante di Kesang, novella Rodriguez (speriamo in un prossimo, simile successo,  anche se il paragone si ferma al groove ironico e sensuale dell’iniziale “Skyrocket”), che dedica il disco all’amore (e alla sua assenza), che diventa totalizzante e condiziona in modo essenziale l’arte della cantautrice americana (ma di sangue misto danese e tibetano). Sperando non sia da prendere troppo alla lettera la straziante dedica della title track:

I walk through hell for my love
Because my love is waiting for me
He was torn from the blue sky
And he fell so gracefully

Un copione che sembra scontato ma che, nelle mani della Marstrand, si realizza in superbi svolazzi melodici Bush-iani (“First Love”), incastonati in interpretazioni e basi armoniche tradizionali che non hanno proprio nulla da invidiare a meno “indipendenti” cantautrici americane (Joan Shelley, Alela Diane). Poche possono dire di avere in repertorio un brano come “Something To Prove You Right”, che si posiziona tra le vette dell’Americana contemporaneo. Con mirabile sintesi e navigato understatement, Kesang scrive una melodia che rende universale una delusione d’amore, riprendendola poi in veste contemporanea e Bartlett-iana nel reprise sintetico finale, in una chiusura in cui emerge tutto l’intenso lirismo del disco.

Con un abile uso dei suoni, Kesang crea un mondo di emozioni al rallentatore, in cui ogni piccolo gesto quotidiano di affetto sembra amplificato a dismisura, come nei tocchi al pianoforte di “Little Abyss” o nella triste lullaby “Arrow Breaks Skin”.
In un anno in cui le flebili, sussurrate dediche alla madre di Sufjan Stevens hanno conquistato tanti nel mondo, sarebbe veramente un delitto se “For My Love” rimanesse relegato al circuito degli appassionati (per quanto numerosi).
Per ora il disco esiste solo in formato digitale: speriamo in una stampa vera e propria e in una distribuzione degna del miglior disco di questa artista e di uno dei dischi di cantautorato più importanti di questi anni.

(06/02/2016)



  • Tracklist
  1. Skyrocket
  2. First Love
  3. Arrow Breaks Skin
  4. Something To Prove You Right
  5. Night Planes
  6. Little Abyss
  7. Magical Thinking
  8. Walking Dream
  9. For My Love
  10. Something To Prove You Right (Synth Reprise)
Kesang Marstrand su OndaRock
Recensioni

KESANG MARSTRAND

Hello Night

(2009 - North Node)
Ninnenanne sussurrate ad adulti e bambini dalla calda e suadente voce della giovane cantautrice statunitense ..

KESANG MARSTRAND

Bodega Rose

(2008 - North Node Records)
La cantautrice di origini euro-asiatiche inaugura la sua bottega con un fragrante bouquet di rose bianche ..

News
Kesang Marstrand on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.