Matthew E White

Fresh Blood

2015 (Domino) | soul-blues, folk-rock

Chi si è immaginato, nell’ascoltare il suadente, sussurrato soul di “Big Inner”, che dietro il nome di Matthew E White si celasse un ragazzone bianco con barba e capelli lunghissimi alzi la mano. Sette brani volitivi, colmi di estro, che avevano fra l’altro riscosso un certo successo, portandolo anche a esibirsi al Primavera 2013. La sorpresa associata all’uscita di “Big Inner” è stata infatti legata allo straordinario valore artistico di un’operazione revivalistica giostrata con mano incredibilmente esperta e non con vezzosità, come spesso ormai capita con il cantautorato ispirato al soul anni 70.

Ed è proprio più strettamente legato a questo – tanto che sembra, in alcuni frangenti, un disco ripescato da un lontano rifiuto della Motown (“Take Care Of My Baby”, la Gaye-iana “Holy Moly”) – che White propone il suo secondo disco, “Fresh Blood”, dopo che già nell’Ep “Outer Face” aveva già lasciato trapelare un percorso di normalizzazione. Già nella forma risulta più canonico: dieci brani sempre di lunghezza più o meno contenuta.

La classe, su tutti i fronti, è sempre eccezionale e riesce a dribblare anche strizzatine d’occhio ai Black Keys più melliflui e sensuali dell’era “Brothers” (“Fruit Trees”), con una scrittura sfuggente e sempre suggestiva. Dove infatti l’ispirazione, l’urgenza creativa sembrano non arrivare, ci pensa infatti un gran mestiere, come nel singolo piacione, un po’ alla Beck di “Rock’n Roll Is Cold”. O nel crescendo Spector-iano di “Feeling Good Is Good Enough”.

Quel che vien fuori è un album senza un pezzo fuori posto, certamente più scorrevole e accessibile di “Big Inner”: si capisce che White mira al suo “grande classico”.  Ma forse manca un po’ dell’urgenza espressiva di “Big Inner” per celebrare veramente uno dei veri, grandi revivalisti soul contemporanei.

(08/03/2015)

  • Tracklist
  1. Take Care Of My Baby
  2. Rock & Roll Is Cold
  3. Fruit Trees
  4. Holy Moly
  5. Circle ‘Round The Sun
  6. Feeling Good Is Good Enough
  7. Tranquility
  8. Golden Robes
  9. Vision
  10. Love Is Deep
Matthew E. White & Lonnie Holley su OndaRock
Recensioni

MATTHEW E. WHITE & LONNIE HOLLEY

Broken Mirror: A Selfie Reflection & Lonnie Holley

(2021 - Spacebomb, Jagjaguwar)
Ispirato dal Miles Davis anni 70, il patron della Spacebomb alle prese con il suo progetto più ..

MATTHEW E. WHITE

Big Inner

(2012 - Spacebomb)
La psichedelia incontra il jazz, il soul e il country in un fulminante esordio

News
Live Report
Matthew E White on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.