Natural Snow Buildings

The Ladder

2015 (Ba Da Bing!)
ambient drone-folk

Se ordinate l’edizione speciale di “Terror’s Horns”, vi portate a casa anche “The Ladder”, contenente dieci brani inediti con cui i Natural Snow Buildings riecheggiano, in maniera meno convincente, quella sintesi di trascendenza folk e tentazioni sperimentali che contraddistingue il disco “maggiore”.

A dominare la prima parte, ci sono le loro ormai famose (ehm, si fa per dire…) tavolozze drone-folk, inaugurate dall’alba trionfante di “Cosmic Rays”, che oscilla nel vuoto dispensando luccicanze e risonanze, echi e metafore di mondi sconosciuti. Una musica “cosmica” nelle cui vene scorre il sangue di un folk ancestrale, non di rado piegato a rivelarsi in forma di ballata (“Comets Fall, Comets Slide”, la voce di Solange un bisbiglio confuso con l’oscurità e la luce che si smarrisce tra vaporose fluttuazioni oniriche), in qualche caso evocatrice di arcani rituali appesi al filo di poche, sillabanti note (quando hanno approntato "To Break Into Old Houses (And Never Get Caught", stavano forse pensando ai Goblin?), ma più spesso prossimo al purissimo scintillare cosmodronico, come nella lunga “Stellar Pit”.

I momenti più intriganti si trovano, comunque, tutti nella seconda parte e, non a caso, sono proprio quelli che riecheggiano le drammatiche partiture di “Terror’s Horn” – nell’ordine: il brano eponimo, con le sue stentoree architetture sinfoniche; “Solomon”, in cui lo strimpellio rassegnato della chitarra acustica fronteggia una misteriosa voce radiofonica; “Black Lanterns”, un gioco di specchi per risonanze ed echi degni di Colleen e, per finire, l’incedere epico e marziale di “16 Girls In A Hole”.

20/09/2015

Tracklist

  1. Cosmic Rays
  2. Comets Fall, Comets Slide
  3. Stellar Pit
  4. Magic Bangles
  5. Blood Meridian
  6. To Break Into Old Houses (And Never Get Caught)
  7. The Ladder
  8. Solomon
  9. Black Laterns
  10. 16 Girls in a Hole

Natural Snow Buildings sul web