Stephen Mallinder

Um Dada

2019 (Dais) | industrial, acid house, elecronic cut-up

Non è stato facile relazionarsi con il ritorno discografico d Stephen Mallinder, ovvero l’uomo che, con Richard Kirk e Christ Watson, fece scivolare la rivoluzione elettronica dei Throbbing Gristle e dei Chrome verso lande meno austere e più palpabili nella loro fisicità e nella loro ipnotica forma dance.

Sono gli albori della musica industriale (1975-1978), i Cabaret Voltaire con soluzioni creative elementari, oserei dire provocatoriamente banali, anticipano i tempi, concentrando in delizie artistiche come “Mix Up” e “Red Mecca” uno scibile artistico e creativo dai tratti perversi e alienanti.
Elettronica, funk sghembo, dub, dark-punk, pulsioni dance grezze e viscerali invadono la scena musicale, modificando ancora una volta il rapporto tra arte tangibile e arte concettuale. Il corpo è ancora una volta il paradigma espressivo delle nuove generazioni, la dance e l’elettronica diventano strumento di una rivoluzione intellettuale che, come il rock’n’roll, riduce il passato a un triste insieme di luoghi comuni.

Che i Cabaret Voltaire abbiano precorso i tempi è storia nota. Fa dunque piacere ritrovare Stephen Mallinder alle prese con un nuovo album, dopo un silenzio durato trentacinque anni, e non stupisce l’omaggio, racchiuso nel titolo “Um Dada”, al movimento artistico e letterario che ebbe la sua culla nella Zurigo del 1916, per poi diffondersi in Germania, Francia e nel resto d’Europa.
Nel frattempo Mallinder è diventato docente di musica digitale all’Università di Brighton, ha dispensato briciole della sua arte in vari progetti (Wrangler, Hey Rube, Creep Show, Ku-Ling Bros. e Cobby & Mallinder), ha approfondito l’evoluzione della musica elettronica in tutte le sue forme, mettendo sullo stesso piano ricerca, velleità dance e tecniche di composizione.

Il delizioso taglia e cuci di “Um Dada”, unito a un tessuto ritmico fatto di groove e atipiche intuizioni acid-house, tiene abilmente il passo con la produzione contemporanea, regalando qualche piccola perla di decostruzione/costruzione in chiave elettronico/sperimentale (“Satellite”).
Fedele al ruolo di espressione musicale della cultura digitale, l’album offre due tracce in meno nella sua versione in vinile, esattamente due brani, “Robber” e “Hollow”, che dilatano alcune delle intuizioni armoniche, conciliando minimalismo e furore ritmico.
Il tocco di Mallinder è sempre magico e ipnotico, perfino irresistibile quando un brioso acid-funk cattura le linee ritmiche del basso e la provocante, robotica sensualità della voce per la trascinante “It’s Not Me”.

“Um Dada” è un progetto dadaista non solo nel titolo, ma anche nell’attitudine giocosa e non convenzionale con la quale si relaziona con la natura malleabile della musica elettronica (“Prefix Repeat Rewind” e la title track).
La sensazione prevalente è quella di ascoltare un disco degli 808 State prodotto da Brian Eno, fermo restando il tocco riconoscibile di Stephen Mallinder, che caratterizza le già citate movenze elettrofunk di “Satellite” e che trova definitiva esegesi nell’ipnotica e robotica sequenza di ritmi secchi e lucidi di ”Colour”, che l'autore condisce con intrusioni vocali asettiche e citazioni di “French Kiss” di Lil Louis.

Con “Um Dada”, l’ex-Cabaret Voltaire torna a esplorare i luoghi comuni dell’utopia e, con autentico spirito d’artista, ne trasporta gli elementi in un contesto moderno e tangibile, capace ancora di suggestionare e smuovere mente e corpo.

(29/12/2019)



  • Tracklist
  1. Working (You Are)    
  2. Prefix Repeat Rewind    
  3. It's Not Me    
  4. Um Dada    
  5. Satellite    
  6. Colour    
  7. Flashback
  8. Robber (cd only)
  9. Hollow (cd only)




Stephen Mallinder on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.