The Explorers Club

The Explorers Club

2020 (Goldstar) | pop, beat, surf

La fabbrica dei sogni di Jason Brewer si è rimessa in moto, puntando a quella perfezione stilistica che da sempre insegue con il progetto The Explorers Club. Poco importa se il team tecnico è completamente nuovo rispetto al precedente album “Togheter”, soprattutto in vista di un impegno su due fronti che rischia di stravolgere i fan del gruppo americano.

Da emulo dei Sixties, Jason Brewer si è ormai trasformato in viaggiatore del tempo. Nessuno come lui è riuscito a captare l’energia del pop, del beat e del surf degli anni Sessanta: sarà merito dell’ossessione di Brewer non solo per l’arte sopraffina di Dusty Springfield, dei Beach Boys e di Smokey Robinson, ma anche per quelle figure minori e di culto che hanno creato la mitologia del pop di quel decennio (Turtles, Monkees, Curt Boettcher, Association). Ed è proprio dalla profonda conoscenza dei segreti della musica pop americana che nasce il quarto album dei The Explorers Club, dodici canzoni originali che potrebbero essere benissimo dei classici del passato, anche per le evidenti citazioni di armonie e riff dal sapore familiare.

Non sono solo la perfezione degli arrangiamenti orchestrali, o le armonie in bilico tra Beach Boys e Miracles, o il fascino irresistibile dei refrain a catturare la fantasia: c’è un brio, uno swing che non immagineresti essere frutto di una band contemporanea, così come il lieve mood soul di “One Drop Of Rain”, l’effetto nostalgia di “Ruby” e il lento da juke-box estivo “Mystery” non sono semplici canzoni ma delle macchine del tempo, proiezioni di un passato che grazie a The Exploreres Club non è del tutto perduto.
Tutto l’album è posseduto da quest’aurea atemporale: Jason Brewer tocca vertici di perfezione che solo Todd Rundgren aveva raggiunto in album come “Faithfull“ e “Deface The Music”. Le tentazioni della bossa nova in “Dream”, le più colte citazioni di “Don’t Cry” e l’atmosfera da musical di “Love So Fine” sono artigianali restaurazioni sonore ricche di magia.

Ispirato e in piena estasi retrò, Jason Brewer azzarda anche un'incursione nella musica da film televisivi vintage (“Dream World”), rinforza il ritmo e ne stempera l’ardore con il banjo in “Say You Will”, per poi gettarsi nelle braccia di una psichedelia grezza e lontana dai fumi del movimento hippy (“Somewhere”). Non senza tralasciare le glorie del sunshine pop nella splendida “Look To The Horizon”, brano che chiude l’album ma non il racconto delle avventure della band che ha abbinato al progetto un disco di cover, che raccontiamo altrove.

(22/07/2020)



  • Tracklist
  1. Ruby
  2. One Drop Of Rain
  3. Love So Fine
  4. Mystery
  5. Don’t Cry
  6. It’s Me
  7. Dawn
  8. Dream World
  9. Say You Will
  10. Somewhere Else
  11. Dreamin’
  12. Look To The Horizon






The Explorers Club su OndaRock
Recensioni

THE EXPLORERS CLUB

To Sing And Be Born Again

(2020 - Goldstar)
Il compendio al quarto disco della band di Jason Brewer è un brillante progetto di cover

THE EXPLORERS CLUB

Together

(2016 - Goldstar Recordings)
Un passo avanti per la band americana innamorata dei Beach Boys

THE EXPLORERS CLUB

Grand Hotel

(2012 - Rock Ridge Music)
Dopo i fasti dell'esordio, torna il gruppo che ha fatto innamorare i fan dei Beach Boys

THE EXPLORERS CLUB

Freedom Wind

(2008 - Dead Oceans)
Immaginoso esordio di un sestetto pop sotto il segno di Brian Wilson

The Explorers Club on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.