Max´mo Park

Nature Always Wins

2021 (Prolifica Inc.) | indie-rock

"Nature Always Wins" è l'emblematico titolo del settimo album in studio dei Maxïmo Park. Registrato durante il lockdown con l'importante ausilio di Ben Allen, già produttore di Animal Collective, Deerhunter e Gnarls Barkley, il disco vede la band di Newcastle aggiungere alcune nuove fragranze al tipico registro sonoro formato da elegante post-punk e alt-rock, che ne ha contraddistinto felici sorti, soprattutto nei lavori d'inizio carriera.
I ferventi concetti, sempre ben presentati dalla risoluta voce del frontman Paul Smith, sono ora costruiti all'interno di venature sonore che passano dal pop psichedelico a quello più sofisticato à-la Prefab Sprout. L'ampia libertà concessa all'ottimo Allen nel plasmare i suoni a suo piacimento e la reazione inconscia provocata dalla fuoriuscita del tastierista Lukas Wooller hanno spinto Smith e soci ha sondare nuove direzioni artistiche, donando a questo nuovo album una maggior ampiezza e ariosità melodica.

Il disco si apre con l'incisiva e calpestante "Partly Of My Making", che tratta l'argomento dell'invecchiamento con il fraseggio pulito di Smith, mentre la sbarazzina "All Of Me" - eletta a singolo - è sorretta da vivaci sintetizzatori eighties. Concetti profondi sono trattati anche in "Why Must A Building Burn", che affronta la tragedia dell'incendio della Grenfell Tower e nell'onesta riflessione sulla paternità analizzata sia in "I Don't Know What I'm Doing" che in "Baby, Sleep".
"Versions Of You" e soprattutto "Ardour" riportano, per un attimo, alle sonorità caratteristiche della band inglese, mentre i momenti migliori dell'album si accolgono nella frenetica ed enigmatica "Feelings I'm Supposed To Feel", nella snella elegia delle Northland inglesi di "Child Of The Flatlands" e in "Placehorder", brano che ingloba il tipico folk-rock dei Rem prima maniera.

La più grande attrazione di "Nature Always Wins", come accaduto spesso in quasi tutti i dischi precedenti, è la voce di Smith: esperta, emotiva e flessa, abile a elevare qualsiasi canzone a un inno. L'album è sicuramente un valido passo in avanti rispetto ad alcune rovinose débâcle degli ultimi anni e resta apprezzabile il tentativo di cercare una nuova maturità in un sound più congeniale alle loro corde artistiche.

(01/03/2021)

  • Tracklist
  1. Partly Of My Making
  2. Versions Of You
  3. Baby, Sleep
  4. Placeholder
  5. All Of Me
  6. Ardour
  7. Meeting Up
  8. Why Must A Building Burn?
  9. I Don't Know What I'm Doing
  10. The Acid Remark
  11. Feelings I'm Supposed To Feel
  12. Child Of The Flatlands


Maximo Park su OndaRock
Recensioni

MAXIMO PARK

Risk To Exist

(2017 - Cooking Vinyl)
La band indie-pop svolta verso la funky-disco nel suo album più American-oriented

MAXIMO PARK

Too Much Information

(2014 - Daylighting)
Il "quasi convincente" ritorno della indie-band di Newcastle

MAX´MO PARK

The National Health

(2012 - V2)
La nuova prova della band di Newcastle, uno dei vessilli della nu-wave tutta

MAXIMO PARK

Quicken The Heart

(2009 - Warp)
Il terzo album della formazione di Newcastle: ancora un miscuglio nervoso di pop e punk, infarcito di ..

MAXIMO PARK

Our Earthly Pleasures

(2007 - Warp)
La band di Leeds tra nostalgie anni 80 e crossover rock

Max´mo Park on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.