Wyndow

Wyndow

2021 (Summer Critics) | art-folk, songwriter

Osservando la splendida copertina dell’esordio del duo formato da Lavinia Blackwall e Laura J Martin, la “svista” ortografica (Window>Wyndow) balza subito all’occhio. Uno "switch" che in passato non impedì ai Byrds di volare alto nonostante il cambio della lettera da i in y (Birds>Byrds) e che non impedirà alle Wyndow di essere una potenziale finestra dalla quale osservare e raccontare in musica le incertezze e le inquietudini dei tempi correnti.

Galeotti furono l’affetto e la dedizione per Robert Wyatt: Laura J Martin, autrice di tre album di folk psichedelico non particolarmente fortunati, e Lavinia Blackwall, recentemente responsabile dell'ottimo esordio solista “Muggington Lane End” dopo una lunga e florida militanza nei Trembling Bells, si sono incontrate a un festival folk, condividendo la passione per la musica dell’ex-batterista dei Soft Machine. Una cover di “Free Will And Testament”, brano di Wyatt incluso nell’album “Shleep”, ha dato il via alla collaborazione tra Lavinia e Laura: due gemme perfettamente incastonate in un gioiellino di folk etereo e psichedelico che induce alla meditazione e all’ebbrezza.

La tavolozza di colori e armonie messi in campo dalle due artiste è affine sia al minimalismo più rigoroso che a quello più gioioso e contaminato, che ha trovato spesso l’humus adatto nelle pieghe armoniche del folk.
Il totale senso di libertà e la mancanza di vincoli creativi hanno lasciato fluire l’ispirazione.“Wyndow” scorre come un album di ricordi, tra l’ondeggiare dei synth che dialogano con flauti e armonie bucoliche in “Never Alone”, o con un lirismo che pur intercettando strutture più complesse - l’acustico chamber-folk con tanto di flauti di “Take My Picture” - resta etereo e malinconico quanto basta per entrare in sintonia con quel soave influsso jazz attinto da Wyatt, perfettamente sintetizzato e rielaborato nella già citata “Free Will And Testament”.

L’esordio del duo folk è un disco fortemente empatico. La grazia artigianale della scrittura si sposa con una eleganza vocale e strumentale che appartiene sia alle Roches (“Woven In Thread”) che alla Penguin Café Orchestra (“When Winter Comes Shadowing In”). Un connubio reso ancora più apprezzabile da una moltitudine di dettagli preziosi che arricchiscono gli undici episodi.
La fonte armonica di “Two Strong Legs” è apparentemente elementare, minimale. Non lo è altresì l’intreccio tra il canto quasi sussurrato, il tintinnio del piano, una sezione archi, la chitarra elettrica, il flusso dei synth e i cori angelici che introducono elementi progressive che, nonostante il carico strumentale, non compromettono l’astratta bellezza del brano. In converso, la greve atmosfera della stregata “Third Tea Of The Day” è pian piano stemperata dal canto, che infine le dona un'aura quasi fiabesca, tra barocchismi e madrigali che ne intercettano il lirismo. Ed è lo stesso flusso ciclico che caratterizza l’altro potenziale mantra del disco, ovvero “Tidal Range”, un brano strutturato su una sovrapposizione di voci che apre le porte a chitarre elettriche e a note di piano dall’intensa carica emotiva.

Oltremodo rilevante l’apporto in fase d’arrangiamento di Iwan Morgan (Gruff Rhys, Cate Le Bon) e Marco Rea (Euros Childs, Alex Rex), soprattutto quando le atmosfere virano verso un cosmic-folk d’annata nella stregata “Flattened By The Wind”. Sapienti progressioni armoniche e intrecci cromatici tengono alta la qualità delle composizioni, sia quando il pianoforte si reinventa come metronomo nell’ariosa “All Cameras Gone”, sia quando lascia note gentili a far da tappeto alle fluttuanti melodie vocali di Laura e Lavinia nella oscura e psichedelica “Pulling On A String”.

L’esordio delle Wyndow apre uno squarcio profondo nel panorama folk contemporaneo. Un’opera dal fascino notturno e inquieto, diverso e inconsueto in un panorama spesso arido di originalità. Una gradevole sorpresa.

(27/10/2021)

  • Tracklist
  1. Never Alone 
  2. All Cameras Gone 
  3. Take My Picture 
  4. Free Will And Testament 
  5. Third Tea Of The Day
  6. Two Strong Legs 
  7. Pulling On A String 
  8. Flattened By The Wind 
  9. Woven In Thread 
  10. When Winter Comes Shadowing In 
  11. Tidal Range 




su OndaRock
Wyndow on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.