Black Midi

Hellfire

2022 (Rough Trade) | experimental-rock

Sedetevi, fate un bel respiro, spegnete il telefonino, date da mangiare al gatto per non essere disturbati, mettete la cuffia o, se potete, sfruttate i 100 watt di potenza dell’impianto hi-fi che avete sempre fatto suonare in modalità flat e date il via all’ascolto di “Hellfire”.
Il third difficult album della band inglese Black Midi è come il monolite di “2001: Odissea nello Spazio” di Stanley Kubrick, una rivelazione, un’epifania che indica nuovi percorsi evolutivi, un disco altresì ostico e non immediato, erede più della genialità di Captain Beefheart che delle assonanze prog espresse nei primi due capitoli. Il progetto più free-form della band inglese è anche il più meditato e finemente concepito, quasi al limite della perfezione, è l’album nel quale tutti i tasselli sono al posto giusto, ma non per celebrare una normalizzazione lirica e armonica, quanto per svelare ulteriori segreti e piaceri del caos e della destrutturazione sonora.

 

“Hellfire” non è un disco rock, è il tutto e il nulla. Geordie Greep, Cameron Picton e Morgan Simpson sfruttano tutto il loro potenziale strumentale e creativo per un surreale e rocambolesco citazionismo, che mette in crisi qualsiasi tentativo di raffronto o accostamento. Le infinite sfaccettature - jazz, cabaret, metal, pop, avant-prog, punk, burlesque - si avvicendano come in una smisurata rock-opera.
Forti di un bagaglio melodico mai così potente, i Black Midi passano, senza colpo ferire, dai Primus a Leonard Bernstein (“27 Questions”) o sfruttano le regole della devoluzione scivolando da riff hard-rock a improbabili sfilacciature folk (“Eat Men Eat”).
Niente mezze misure, dunque. “Hellfire” eleva il tasso di cacofonia verso limiti che solo Butthole Surfers e Scott Walker hanno varcato con eguale profondità e iconoclastia. Non sorprende, dunque, che i sette minuti abbondanti di “The Race Is About To Begin“ assomiglino al figlio reietto di “Tilt” e “Locust Abortion Technician”.

Il caos non è mai stato altresì così limpido e chiaro. I Black Midi saldano dinamismo ritmico e ossessività armonica con forme stimolanti, originali e lievemente vanesie (“Sugar/Tzu”). State attenti però a non prendere troppo sul serio il terzo album della band inglese: l’inganno è sempre dietro l’angolo.
Il riff metal intonato a mo' di rap e punk di “Welcome To Hell” più che un film è un cartone animato, semplice, efficace e banale, come tutto quello che i Black Midi sembrano aborrire, o forse no?
Irrequieto, incongruente, fastidioso, “Hellfire” incolla l’ascoltatore alla sedia, lasciandolo in balia di improvvise aperture melodiche che ti aspetteresti di ascoltare in un disco di Frank Sinatra (“The Defence”) o di inedite soluzioni country-western-chamber-prog incorniciate da archi, flauto, armonica, xilofono e perfino dal canto degli uccelli (“Be Still”).

Se “Schlagenheim” aveva il merito di rappresentare il potenziale live della band e “Cavalcade” il compito di sottolinearne l’abile scrittura e versatilità, “Hellfire” ha il pregio di tagliare i ponti con le pur evidenti influenze – Frank Zappa, King Crimson, Boredoms, Van Deer Graaf Generator, Cardiacs – per una ponderata e travolgente estasi musicale, che dell’imprevedibilità si nutre fino ad apparire pretenziosa ("27 Questions"), per poi sminuirne la tensione cerebrale, accostando demoni e dei, fino a rasentare l’apoteosi della provocazione acustica nel jazz atonale di “Dangerous Liaisons”.
Mai cosi vertiginosi, incandescenti, caotici, brutali, i Black Midi consegnano a questo già vibrante 2022 l’opera più matura e originale della loro carriera. La struttura musicale è ineccepibile e inquietante, il cantato non è mai stato così aspro e tagliente, merito dei testi ai confini dell’apocalisse umanitaria e decisamente meno astratti. Una discesa negli inferi e negli abissi della follia. Un disco spregiudicato e potente, che piacerà sia ai fan dei Pere Ubu che a quelli della Mahavishnu Orchestra.

(15/07/2022)

  • Tracklist
  1. Hellfire
  2. Sugar/Tzu
  3. Eat Men Eat
  4. Welcome To Hell
  5. Still
  6. Half Time
  7. The Race Is About To Begin
  8. Dangerous Liaisons
  9. The Defence
  10. 27 Questions






Black Midi su OndaRock
Recensioni

BLACK MIDI

Cavalcovers

(2022 - Rough Trade)
Tre delle cover version regalate con il secondo album del gruppo inglese, raccolte in un Ep

BLACK MIDI

Cavalcade

(2021 - Rough Trade)
Il progressive rock emerge dal caos degli esordi, dividendo ancor di più pubblico e critica sulla ..

BLACK MIDI

Schlagenheim

(2019 - Rough Trade)
Un flusso di coscienza, una sensualità ambigua e un pizzico di fumo per l'esordio più chiacchierato ..

News
Live Report
Black Midi on web