Black Midi

Schlagenheim

2019 (Rough Trade) | experimental-rock, math-rock

Emancipazione sessuale e musica rock: un legame che ha contrassegnato momenti salienti della cultura giovanile. Era dunque prevedibile che anche l’attitudine gender producesse i suoi effetti, modificando gli approcci creativi e progettuali della moderna produzione musicale. I Black Midi (Midi è un protocollo d’interazione tra strumenti elettronici, a volte effettuato tramite computer) sono i paladini della musica “senza genere”, musicisti attenti più a catturare sfumature e dettagli di una massa sonora in continuo movimento piuttosto che a definire lo stile portante della loro proposta.

Nasce così un album destinato a sconvolgere prima l’underground musicale, per poi passare alla conquista delle scene future, grazie a un potente mix di tradizione (progressive, hard-rock, jazz) e modernariato (post-industrial, math-rock, minimal, post-punk). “Schlagenheim” è un disco assassino che ritorna sul luogo del delitto: Pere Ubu, This Heat, Talking Heads, Jesus Lizard sono solo alcuni dei probabili punti di riferimento di questa eccitante, e non del tutto convenzionale, esternazione di perizia tecnica ed estemporaneità.
Catturare l’energia delle esibizioni live, in un contesto che sia comunque quello di una sala d’incisione, è il punto fermo di questo esordio. Geordie Greep, come moderno Robert Fripp, detta le coordinate di un album che qualcuno forse giudicherà come stritolato da involontari manierismi creativi.

In verità i Black Midi non si curano di apparire impeccabili né disarmonici. Anche il cantato scivola dal virtuoso all’asettico (Robert Plant vs David Thomas) e a scandire i tempi è l'energia catalizzante dell'immaginazione. La band londinese riesce nel difficile compito di calibrare una marea di suggestioni (ascoltando l’album si scorgono decine e decine di riferimenti plausibili) senza mai smarrire personalità e coerenza.
Il pop alla Sonic Youth/Talking Heads di “Speedway” e il pulsante brio ritmico stile Gang Of Four di “Reggae” soddisfano l’esigenza dell’ascoltatore di avere un appiglio sicuro e “pop”, per poi addentrarsi nelle sonorità industrial/avant-rock di ”bmbmbm”, o nella visionaria rilettura post-rock dell’articolato avvicendamento di calma e caos di “Western”: un brano che sembra uscire dalle pagine di “Fear Of Music” (la band è talmente consapevole dei rimandi a Byrne e soci da aver intitolato un singolo “Talking Heads”).

Esordio è spesso sinonimo di spontaneità e di concentrato di idee, ma anche di ingenuità, queste ultime stranamente collocate in punti focali come la festa di riff e aborti armonici che aprono l’album, “953”, o nel turbinio alla King Crimson era “Discipline”, “Years Ago”: due brani che non riescono a concretizzare del tutto le pur buone intuizioni. Sono piccoli nei di un disco destinato a essere amato nella sua complessità, più che nei vari episodi, anche se l’art-funk-noir di “Of Schlagenheim” e l’orgiastico punk-pop di “Near DT,MI” scavano sotto pelle, lasciando un segno indelebile nel canzoniere dell’anno in corso.

L’instabilità che turba le nove canzoni di “Schlagenheim” non è un vezzo ma una necessità per i Black Midi, una metodologia che oltretutto mette a dura prova la notevole preparazione tecnica dei musicisti, evitando quell’autocompiacimento che a volte filtra nelle reminescenze kraut e prog che fanno capolino in alcuni episodi dell’album. Ed è questa la chiave che apre le porte alle digressioni liriche e armoniche della conclusiva “Ducter”, una canzone per molti versi affabile, orecchiabile, eppure lunatica e irriverente ("faccia la sua diagnosi ma tolga prima la mano dal cazzo": canta Greep rivolto a un impaziente terapeuta), un brano che racchiude tutte le probabili dicotomie di questo stimolante esordio, lasciandole piacevolmente irrisolte e alimentando l’amletico dubbio: genio o mistificazione?
Propendo per la prima opzione, ma nel caso in cui la verità risieda nella seconda ipotesi, sarei comunque felice di essere stato buggerato con tale maestria.

(15/07/2019)



  • Tracklist
  1. 953
  2. Speedway
  3. Reggae
  4. Near DT,MI
  5. Western
  6. Of Schlagenheim
  7. bmbmbm
  8. Years Ago
  9. Ducter




Black Midi on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.