Girlpool

Forgiveness

2022 (Anti-) | indie-pop, synth-pop

Avevamo lasciato il progetto Girlpool con un abbraccio simbolico sulla copertina di “What Caos Is Imaginary”, e a distanza di tre anni ritroviamo Harmony Tividad e Avery Tucker più uniti che mai nella cornice sintetica di “Forgiveness”, lavoro che rappresenta un distacco abbastanza netto dal passato. Portato da sempre a giocare e sperimentare con un sound tra folk e indie-pop, mescolandovi punk, blues acustico e slowcore, il duo ha deciso stavolta di accantonare tali influenze secondarie e optare per contorni synth-pop, industrial e territori limitrofi, con qualche svolta neo-soul.

 

Avery e Harmony si alternano alla voce e a sorprendere piacevolmente è il primo, poiché protagonista di alcuni dei momenti migliori dell’album, come la ballad emo-folk “Violet”, i beat della fin troppo breve “Light Up Later”, collaborazione con l’artista neo-soul Zsela, che se sviluppata maggiormente avrebbe potuto rendere ancor meglio, e i synth scuri ai limiti della witch house tra atmosfere eteree e goth di “Country Star”. Il punto più alto è tuttavia rappresentato dalle liriche di “Faultline”, traccia nata dopo una notte brava di Tividad e incentrata sull’abbandonarsi a una routine distruttiva e sulle sue conseguenze.

Pur riuscendo a fare centro anche con l’intreccio di voci di “Dragging My Life Into A Dream”, la ballatona quasi bridgersiana “Butterfly Bulletholes” e il panorama noisy e straniante della tormentata “Afterlife”, il disco non risulta comunque esente da errori. I più gravi e determinanti sono la partenza fin troppo in sordina con “Nothing Gives Me Pleasure”, “Lie Love Lullaby”, interessante esperimento tra downtempo e R&B che tuttavia non decolla mai, e le sonorità cristalline di “Junkie”; e la chiusura minimale e un po’ troppo trascinata, affidata al folk sussurrato di “See Me Now” e al piano angelico di “Love333”. Non si parla di brutti pezzi, ma di un appesantimento eccessivo, presente soprattutto nella prima parte dell’album, che ne può compromettere l’ascolto.

Perdersi, riuscire a ritrovarsi e soprattutto perdonarsi, per poi andare avanti: questa è la parabola illustrata musicalmente dal duo losangelino, in una sorta di percorso di transizione e ancora alla ricerca della propria dimensione, all’interno di un panorama tutto nuovo rispetto alla partenza in direzione folk-punk di “Before The World Was Big”. Data la loro capacità di osare, non è da escludere che i Girlpool possano riuscire a sorprenderci in futuro, indubbiamente c’è ancora molto da fare, e “Forgiveness” non può esser considerata farfalla, ma crisalide.

(24/07/2022)

  • Tracklist
  1. Nothing Gives Me Pleasure
  2. Lie Love Lullaby
  3. Violet
  4. Junkie
  5. Dragging My Life Into A Dream
  6. Faultline
  7. Light Up Later (feat. Zsela)
  8. Country Star
  9. Butterfly Bulletholes
  10. Afterlife
  11. See Me Now
  12. Love333




Girlpool su OndaRock
Recensioni

GIRLPOOL

What Chaos Is Imaginary

(2019 - Anti)
Riempitivi e poche novità nel ritorno del duo losangelino

GIRLPOOL

Before The World Was Big

(2015 - Wichita)
L'esordio "lungo" delle due losangeline, meno blues e più indie-pop

GIRLPOOL

Girlpool

(2014 - Wichita Recordings)
Tra lo-fi blues e Americana, convince il debutto del duo acustico di Los Angeles

Girlpool on web