Kevin Morby

This Is A Photograph

2022 (Dead Oceans) | alt-folk

Non è stato facile per Kevin Morby, dopo l’avventura con i Babies e i Woods, trovare una propria dimensione come solista, ma è proprio attraverso l’opera di musicisti come il trentaquattrenne di Lubbock (Texas) che si è avverato quel rinnovamento della tradizione country-blues-rock i cui frutti rigogliosi ravvivano la musica americana contemporanea.
Il primo tassello è stato il vivido manifesto di autenticità emotiva del 2016 (“Singing Saw”), a cui ha fatto seguito un trittico lodevole eppure dalle sorti alterne. Coerenza e ispirazione non hanno in verità mai abbandonato il cantautore americano, anche quando le ombre furtive di Dylan, Cohen e Reed sembravano prendere il sopravvento, Morby è riuscito a domarne la potenza grazie a una versatilità espressiva e a una voce dal tono confidenziale e schietto.
 
Con “This Is A Photograph” il musicista mette definitivamente in ordine i tanti ricordi custoditi durante il continuo migrare da una parte all’altra dell’America, gli stessi luoghi citati nei testi sono sì reali, ma anche proiezioni di spazi immaginari, al cui centro vi sono persone comuni o involontari eroi.
Il musicista elegge Memphis a punto d’osservazione privilegiato di quell’America che conosce e vuol raccontare, lo sguardo è penetrante e passionale, ma anche interrogativo e sofferto. Tutto questo è perfettamente racchiuso nella title track: un’incalzante cavalcata chitarristica e verbale dai toni robusti, quasi funky, e cristallini, scritta da Kevin dopo l’imprevisto ricovero ospedaliero del padre.

Le fotografie del titolo sono le istantanee sulle quali l’autore riflette in cerca di un senso compiuto al grande interrogativo della vita. Cantanti (Jeff Buckley, Tina Turner, Jay Reatard, Otis Redding), attori (Diane Lane) e sportivi (Mickey Mantle, Sugar Ray Leonard) sono oggetto di colte riflessioni sull’inesorabilità del tempo che passa e sulle incertezze della vita. A questa profonda intensità lirica l’autore associa alcune delle intuizioni più pregnanti della sua carriera.

“This Is A Photograph” non è l’ennesimo album di un musicista di buona caratura in cerca di ulteriore fama: Morby tiene abilmente a bada quelle derive autoindulgenti che a volte ne smorzavano la comunicatività. L’album scorre fluente e senza incertezze: Kevin canta con medesimo pathos il proprio amore per la musica, l’agrodolce country con tanto di banjo e controcanto femminile (Erin Rae) di “Bittersweet, TN”, e per la sua compagna Katie Crutchfield (Waxahatchee) la struggente piano-ballad “Stop Before I Cry”; nel contempo, medita sulla tragica morte di Jeff Buckley nella languida e notturna “A Coat Of Butterflies” (con Makaya Mc Craven alla batteria) e omaggia la memoria di Jay Reatard con un gioioso graffio garage-rock in “Rock Bottom”.
 
Onesto e ribelle, incantevole e stravagante, “This Is A Photograph” è l’album che concilia tutte le anime di Kevin, dinamico e arioso come non mai, scosso sia dal carnale romanticismo della dylaniana “A Random Act Of Kindness” che da quello più ragionato di “Five Easy Pieces”. Il musicista americano non è mai stato cosi attento alle sfumature e ai flebili contrasti tra luci e ombre. La flessuosa e bluesy “Disappearing” e l’accorata “It's Over”, insieme alle restanti tracce sopracitate, non è che aggiungano elementi sconosciuti del Dna musicale di Morby, ma l’amalgama di folk, country, garage-rock, blues, gospel e indie-rock non è mai stato così vivido e ambizioso. E non è un caso che il cast di amici e collaboratori sia il più ricco finora esibito.

E’ alfine sintomatico che a chiudere l’album sia “Goodbye To Good Times”, una canzone tanto musicalmente ordinaria quanto speciale, un omaggio a eroi di un glorioso passato con il quale l’autore non brama confronto, consapevole di poter solo replicarne la grandezza, anche se per una volta l’allievo è all’altezza dei maestri.

(24/06/2022)

  • Tracklist
  1. Intro
  2. This Is A Photograph
  3. A Random Act Of Kindness
  4. Bittersweet, TN with  Erin Rae
  5. Disappearing
  6. A Coat Of Butterflies
  7. Rock Bottom
  8. Forever Inside A Picture
  9. Five Easy Pieces
  10. Stop Before I Cry
  11. It's Over
  12. Goodbye To Good Times




Kevin Morby su OndaRock
Recensioni

KEVIN MORBY

Sundowner

(2020 - Dead Oceans)
Sfumature monocromatiche e intime per l’album della ritrovata ispirazione del musicista americano ..

KEVIN MORBY

Oh My God

(2019 - Dead Oceans)
L'album "spirituale" dell'ex-Woods, e contemporaneamente il suo lavoro più ambizioso, che tocca ..

KEVIN MORBY

City Music

(2017 - Dead Oceans)
Un compendio atmosferico e un po' pretenzioso al precedente "Singing Saw"

KEVIN MORBY

Singing Saw

(2016 - Dead Oceans)
Il mistero e l'angoscia dell'America di oggi nel disco della consacrazione di Morby

KEVIN MORBY

Harlem River

(2013 - Woodsist)
Il bassista degli Woods azzecca il suo personale tributo a Lou Reed

News
Kevin Morby on web