Oren Ambarchi

Shebang

2022 (Drag City) | experimental, cosmic rhythms

Da sempre il chitarrista e sperimentatore australiano Oren Ambarchi è interessato a trascendere l’approccio strumentale convenzionale, soprattutto quando agisce sul suo strumento principe. Nel corso della sua carriera, come solista e in sinergia con moltissimi artisti (tra gli altri Jim O’Rourke, Arto Lindsay, Keiji Haino, i Fire!, Sunn O))), Ricardo Villalobos, il nostro Stefano Pilia e più recentemente Johan Berthling e Andreas Werliin), ha esplorato i più svariati mondi sonori, facendo diventare qualsiasi strumento suonasse una sorta di laboratorio viaggiante per indagare sul suono. Un percorso avventuroso che lo ha portato a esplorare minimalismo, elettronica, afrobeat, psichedelia e altri inquieti suoni.

 

Il ritorno di Ambarchi solista si intitola "Shebang", la conclusione di una sorta di trilogia basata su esperimenti ritmici iniziata con "Quixotism" (2014) e proseguita due anni più tardi con l’ottimo "Hubris". Sebbene sia naturalmente Ambarchi il mattatore di questa lunga suite (divisa idealmente in quattro parti) di 35 minuti con la sua chitarra trattata (e a volte irriconoscibile tanto è interfacciata con ogni sorta di marchingegno elettronico), sono molti i musicisti che si avvicendano a dare man forte al nostro eroe. In primis, il batterista Joe Talia, poi il clarinetto di Sam Dunscombe, il leggendario maestro di pedal steel B.J.Cole (T. Rex, Walker BrothersJohn Cale, Björk, Elvis Costello, Bert Jansch e Spiritualized), la chitarra a 12 corde di Julia Reidy, il piano di Chris Abrahams (Necks, Springtime), il contrabasso di Johan Berthling e l’immancabile cameo di Jim O’Rourke, che con il synth è il valore aggiunto della seconda parte dell’album.

La prima parte inizia con la chitarra staccata che sembra riprendere proprio i pattern ritmici dell'ultima parte di "Hubris", con le dita ipercinetiche di Ambarchi che sembrano raccogliere particelle di suono a mano a mano che procede nel suo incedere quasi giocoso, fino ad accogliere il ride di Talia e il clarinetto di Dunscombe che modificano piano piano il tutto, portandolo in una dimensione ancestrale. La seconda parte è più minimale, jazzata e quasi spirituale, dove i pattern ritmici vengono avvolti dall'ingresso del tocco unico della pedal steel di B.J. Cole, fluttuante, inquieta e magica. La terza parte vede l'ingresso trionfante del piano di Abrahams, con il suo tocco unico da novello Re Mida, che insieme al synth di O'Rourke trasfigurano e cambiano di nuovo ambientazione, modificando delicatamente ma inesorabilmente struttura e armonia riuscendo ad affascinare l'ascoltatore.

 

L'ultima parte è una giravolta ritmica inquieta e ipnotica, piena di cambiamenti armonici e di ritmi incessanti che si dissolvono in una melodica e colorata nuvola di synth. Gli occhi che scrutano la copertina del disco già sanno cosa assaggeranno le orecchie: una stratificata e dettagliata torta con gusti diversi capaci di amalgamarsi alla perfezione. I contributi dei vari musicisti sono stati registrati in vari studi, dal Giappone alla Svezia, per poi venire assemblati meticolosamente e rigorosamente da Konrad Sprenger e dallo stesso Ambarchi. Il risultato è un gioco di specchi che funziona perfettamente, a incarnare l'amore per il minimalismo, l'elettronica, il suono Ecm; 35 minuti che, per quanto rigorosi e dettagliati, non appaiono mai freddi, al contrario, risultano divertenti, colorati e ipnotici.

(02/10/2022)

  • Tracklist
  1. Shebang I
  2. Shebang II
  3. Shebang III
  4. Shebang IV


Oren Ambarchi/ Johan Berthling/ Andreas Werliin su OndaRock
Recensioni

OREN AMBARCHI/ JOHAN BERTHLING/ ANDREAS WERLIIN

Ghosted

(2022 - Drag City)
Tre straordinari musicisti alle prese con un dialogo sonoro notturno e profondo tra jazz, psichedelia ..

OREN AMBARCHI

Hubris

(2016 - Editions Mego)
Rigidi esperimenti post-minimalisti nel nuovo album del musicista australiano

OREN AMBARCHI

Quixotism

(2014 - Editions Mego)
Una piccola guida tascabile all'universo sonoro dell'artista australiano

OREN AMBARCHI

Amulet

(2014 - The Tapeworm)
Una cassetta in edizione limitata per l'artista australiano, alle prese con un espressionismo fantasmatico ..

OREN AMBARCHI

Audience Of One

(2012 - Touch)
Tra minimalismo e suggestioni spiazzanti, il chitarrista australiano torna in pista

OREN AMBARCHI

Sagittarian Domain

(2012 - Editions Mego)
Ventidue minuti di psichedelia d'avanguardia per l'eclettico australiano

News
Oren Ambarchi sul web