Robert Rich & Luca Formentini

For Sundays When It Rains

2022 (Soundscape Productions) | ambient

La storia del loro incontro me l’ha raccontata lo stesso Luca Formentini davanti un bicchiere di vino. Si trovava a San Francisco per presentare la cantina di famiglia a un evento del Gambero Rosso e ha colto l’occasione di contattare il leggendario Robert Rich, che gli ha aperto gli scrigni del suo studio. I due musicisti si sono ritrovati così, come per incanto, a registrare tre lunghe sessioni che, cesellate nei mesi successivi, sarebbero poi finite sulla loro prima, incantevole, collaborazione, “For Sundays When It Rains”.

Luca ha avuto modo di immergersi nei mille sintetizzatori del musicista americano, e soprattutto nelle chitarre della collezione del padre di Rich. Strumenti unici, dai suoni incredibili, che ha suonato con rispetto quasi devozionale e sorprendente duttilità. Sono proprio i toni delle chitarre il tratto distintivo del loro incontro, gli arpeggi delle sei corde in sintonia con le orchestrazioni di Rich.
“First Day” è già un incanto. I due musicisti si sono appena incontrati. Sembra stiano accordando gli strumenti. Invece il brano è un capolavoro, come l’incipit di “In A Silent Way”, capace di trasportare in un istante in una dimensione onirica. Il primo giorno fu l’estasi del contemplare le gocce di pioggia al rallentatore muoversi in una danza cosmica.

“Passacaglia”, “Rune”, “Book Without Pages” sono solo alcune delle nuvole iniziatiche di un’intesa folgorante. L’arte di Rich e Formentini è in grado di comunicare a diversi livelli: epidermico e medidativo. E’ essenza che trasmuta la sua materia organica in un suono prossimo al silenzio. Nell’intreccio di atmosfere oniriche, placide, rilassanti. Questo disco, forse non a caso, induce in uno stato di profondo ascolto interiore. E’ la coesione di ogni elemento in melodie pulite, accordi sussurrati, contrasti di levità e ombra.
“Clouds Into Drops” e “Memento” sono gli ultimi due brani che concludono, non tanto un disco, piuttosto una vera esperienza emotiva. La musica si aggira libera in ogni cellula e, cauta, stilla meraviglia, stupore.

Rich e Formentini sanno come creare magia. Molti dei loro dischi hanno generato stati alterati di percezione; ma questo inedito stato di connessione, “For Sundays When It Rains”, rimarca la loro bravura, eccelsa, in un modo ancora più sbalorditivo. In questa cosmogonia della bellezza armonica, i dodici brani in scaletta sono la clorofilla luminosa che irrora ogni spazio e ogni elemento, intessendo una trama sonora sublime.

(27/12/2022)

  • Tracklist
  1. First Day 3:43
  2. For Sundays When It Rains 4:38
  3. Passacaglia 4:15
  4. Motes Float in Window Light 7:05
  5. Rune 4:16
  6. Second Day 4:14
  7. Finding Lights 6:14
  8. Book Without Pages 3:00
  9. Initiation 4:20
  10. Murmurs 3:17
  11. Clouds Into Drops 4:37
  12. Memento 7:28


Robert Rich su OndaRock
Recensioni

ROBERT RICH

Filaments

(2015 - Soundscape Productions)
Il ritorno di un grande protagonista della musica elettronica mondiale

Robert Rich & Luca Formentini sul web